Type to search

Italia

Portogruaro, cosa vedere: mezza giornata nella città sul Lemene.

Share
PORTOGRUARO COSA VEDERE

Situata nel Veneto Orientale, Portogruaro è l’ultima città di interesse turistico – assieme a Bibione – della provincia di Venezia prima di entrare in Friuli. È una città secondo me particolare perché ha un fortissimo stile Veneziano nel centro storico con uno scenario quasi unico, quello dei Mulini sul Lemene. Essendo quindi situata proprio all’estremo confine Veneto e a un passo dal Friuli, il mix che ne esce è davvero unico: Portogruaro la trovo una cittadina unica nel suo genere.

Sebbene abbia frequentato Porto dai primi giorni di vita e anche negli anni seguenti, non mi ero mai preoccupato di parlare di questa cittadina dal punto di vista turistico. Eppure Portogruaro riserva delle bellissime sorprese e nasconde degli angoli molto carini. Inoltre si potrebbe pure inserire come una tappa intermedia in un tour del Veneto molto più ampio.

E’ caratterizzata da alcuni edifici davvero unici, basti pensare al municipio che vedi qui sotto in questa foto, ma anche ad alcuni palazzi in stile Veneziano che puoi ammirare mentre visiti Portogruaro camminando lungo le sue vie sotto i portici del centro storico.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Municipio di Portogruaro

Ti lascio allora non un itinerario, ma i punti più interessanti da vedere in mezza giornata. Dai, andiamo a scoprire Portogruaro e cosa vedere sulle sponde del Lemene.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Mulini di Sant’Andrea

Un po’ di storia: la nascita di Portogruaro e lo stile Veneziano.

Portogruaro è conosciuta come la piccola Venezia. Questo paragone, che potrebbe sembrare inappropriato, in verità trova radici proprio dal dominio della Serenissia.

Venezia e la sua nobiltà infatti, che dominavano questi territori, avevano bisogno di controllare tutte le zone e avevano bisogno anche di rifornirle. Il Lemene che passa per centro il storico sfocia praticamente a Caorle. Venezia si trovava quindi la via d’acqua perfetta: dovevano solo stabilire dove costruire un porto di attracco per le merci. Nacque così il porto di Gruaro. Le navi della Serenissima partivano da Venezia, passavano per Caorle e risalivano il Lemene fino a qui.

La nobiltà Veneziana che voleva avere il controllo sui proprio traffici commerciali, costruì palazzi e ville con lo stesso stile dei palazzi sul Canal Grande. Le dimore era occupate per svariati periodi dell’anno dai Veneziani.

Portogruaro, cosa vedere: il centro storico.

I luoghi più interessanti da vedere a Portogruaro si concentrano principalmente nel centro storico e attorno al Lemene. Per accedervi si passa attraverso una delle tre porte sormontate da torri che sono rimaste in piedi – una volta erano cinque e la città era una città murata -.

Ad oggi sono rimaste solo le porte di San GottardoSant’Agnese e San Giovanni. Il centro storico ha una via principale costeggiata da palazzi veneziani in stile gotico e rinascimentale: è via Martiri della Libertà. Parallela a questa via corre via Seminario – composta anche da via Garibaldi e da Via Cavour -, mentre nel mezzo scorre il Lemene. Quasi tutti i palazzi di via Martiri presentano dei portici che favoriscono le passeggiate anche in caso di pioggia.

cosa vedere a Portogruaro
Portogruaro: mulini e campanile

Circa a metà della via principale del centro, si trova il Municipio e il Duomo di Sant’Andrea, patrono della città.

Il Municipio si trova in Piazza della Repubblica ed è un edificio gotico risalente al 1265. La bellezza di questo edificio sta nella parte frontale. Oltre ad essere costruito in mattoni faccia a vista, le merlature e la scala d’ingresso lo rendono unico nel suo genere e simbolo di Portogruaro stessa.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Municipio di portogruaro

Il Duomo invece, più che essere famoso per la chiesa stessa, deve la sua popolarità al fatto di avere il campanile pendente, con una inclinazione di 42 cm rispetto alla base. Mi ricorda molto il campanile di Burano.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Campanile di Portogruaro

I Mulini di Sant’Andrea sul Lemene.

Nella tua camminata in centro, altra cosa da non perdere è il fiume Lemene. Non perderti le case e gli edifici affacciati sul fiume: lungo la via del centro prendi una delle strade che ti portano verso il Lemene. Ma soprattutto – e non potrai fare a meno di non notarli -, visita i mulini sul Lemene che sono situati a pochi passi dal Municipio.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
mulini di Sant’Andrea

Conosciuti come Mulini di Sant’Andrea, sono forse uno dei luoghi più fotografati di Portogruaro e del Veneto Orientale: i mulini, Portogruaro ed il campanile pendente sono la classica cartolina. Il loro ruolo in passato era quello di fornire approvvigionamento alla città, anche in caso di assedio.

Qui vicino si trova anche la zona della Pescheria, così conosciuta così perché vi si svolgeva il mercato del pesce dei pescatori provenienti da Caorle e che vi arrivavano risalendo il fiume. Per proteggere il lavoro, i pescatori hanno dedicato alla Madonna delle Grazie questo angolo.

Ti segnalo inoltre il Museo Nazionale Concordiese, un museo Archeologico – che io non ho visitato perché chiuso – dove vengono raccolti i reperti archeologici della vicina Concordia Sagittaria.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
centro di Portogruaro

Cosa fare a Portogruaro: bere l’aperitivo in centro e dove mangiare.

Ho deciso di inserire tra le cose da fare a Portogruaro quella di bere l’aperitivo, perché mi sono particolarmente piaciuti i locali del centro storico. Premesso che ho mangiato svariate volte qui e nelle zone limitrofe, i locali del centro storico mi ricordano molto i bacari di Venezia.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Vie di Portogruaro

Per me i locali più belli sono al Bacaro e Cantina 900. Di questi locali mi piace molto lo stile – e lo Spritz -. Si trovano entrambi nel centro storico lungo la via principale, Corso Martiri della Libertà. Sempre in centro si trova lo storico Caffè Sguerzi.

Se vuoi magari qualche dritta su dove mangiare, ti posso suggerire l’agriturismo Noiari, che si trova a Summaga, quindi fuori dal centro. Credimi che ne vale davvero la pena.

E poi, dulcis in fundo, una delle migliori pasticcerie del Veneto Orientale: Toffolo. Si trova appena fuori dal centro e ti consiglio la tappa dolciaria.

PORTOGRUARO COSA VEDERE
Centro di Portogruaro

I portici.

Non siamo a livelli di Bologna, ma a Portogruaro, soprattutto lungo la via centrale del centro storico, si trovano i portici.

E qui mi ricollego al fatto dell’aperitivo: ci sono molti bar che hanno possibilità di sfruttare i portici come luogo per mettere tavoli e sedie, ma anche per far bere i clienti in piedi anche quando piove. Ma è possibile anche visitare la città quando piove.

Cosa vedere nei dintorni di Portogruaro.

Se la visita a Portogruaro ti impegnerà solo mezza giornata e vuoi vedere qualcosa in più, allora ti consiglio di visitarne anche i dintorni. Avrai bisogno però di spostarti con la tua auto. Tra questi puoi andare a vedere i paesi vicini, come Caorle, Bibione, Cordovado, Sesto al Reghena e la vicinissima Concordia Sagittaria. Mentre poco più in là ci sono Padova, Verona e ti lascio anche due itinerari su Venezia in un giorno e Venezia in due giorni.

Come raggiungere Portogruaro.

Per raggiungere Portogruaro hai tre modi.

  • In autobus: i bus di ATVO o di ATAP raggiungono Portogruaro dalle principali città rispettivamente del Veneto Orientale e del Friuli.
  • In treno: la stazione dei treni di Portogruaro-Caorle si trova a 10 minuti poco meno a piedi dal centro storico di Portogruaro. Qui fermano i treni principali, sia regionali che intercity e varie Frecce.
  • In auto: il casello dell’autostrada a cui devi uscire è situato lungo la A4 e si trova a circa 10 minuti dal centro storico. Altrimenti se non arrivi tramite autostrada ci puoi arrivare tramite la strada statale SS14.

Credo di averti detto tutto. Ora che sai cosa vedere a Portogruaro non ti resta che andare a scoprire questa bellissima cittadina del Veneto Orientale. Sono sicuro che non ti deluderà. Alla prossima!

Tags:

3 Comments

  1. Luca mi piace un sacco il municipio e i mulini. La visiterei senz’altro. Grazie per le info.

  2. Davvero incantevole, non c’è niente da fare, i borghi sull’acqua hanno sempre qualcosa in più. E come fai notare giustamente, questo posto subisce un’influenza notevole da più parti, quindi è assolutamente da vedere. Accolgo il consiglio di visitare la zona dei Mulini e soprattutto il consiglio sul dolce finale, Toffolo-segnato! Com’è bella la tura regione Luca! 😀

  3. La zona dei mulini è sicuramente quella che mi attrae di più, soprattutto se con uno spritz alla fine della giornata 😉

error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!