Type to search

Croazia Europa

Come vedere il Parco del Krka e cosa visitare nella città a Sebenico, anche coi bambini.

Share
Skardinski buk Krka

Il Parco del Krka e la città di Sebenico sono state le due cose più belle che abbiamo visitato nel nostro viaggio in Croazia.
Due meraviglie, una naturale l’altra storica, a cui vi direi tranquillamente di non rinunciare se andate intraprendete un viaggio in Croazia. E se state venendo fin quaggiù solo ed esclusivamente per queste due bellezze, beh allora fate proprio bene. E soprattutto, non siete folli nel voler percorre tanti chilometri solo per due attrazioni.

La visita al Parco del Krka.

Il parco del Krka è facilmente raggiungibile in auto da Zara, città dove abbiamo affittato un appartamento per 5 notti. Tra Zara e il parco ci sono 88 km, percorribili in poco meno di un’ora. Per raggiungerlo, prendete per Sebenico-Spalato e uscite a Sebenico. Al primo incrocio girate a sinistra.
La parte che di solito si visita è una zona percorribile in 3-4 ore a piedi, ma il parco copre una zona molto più ampia, pari a circa 11000 ettari, quindi ci vorrebbe molto più tempo per coprire tutta l’area.

Skardinski buk Krka

Il parco dispone di vari ingressi, ma vi suggerisco di entrare dal più comodo e vicino, quello di Lozovac, dove troverete parcheggio gratuito e degli autobus che vi porteranno fino alle prime passerelle.
Per facilitarvi la visita, alla biglietteria all’ingresso del parco potrete trovare delle piantine – anche in Italiano – con il personale che vi spiegherà come vedere le zone principali. Il vostro percorso inizierà con una discesa e vari tornanti, percorsi in autobus, che vi porterà fino ad un piazzale. Qui scenderete e potrete iniziare la vostra passeggiate.

L’inizio potrebbe sembrare noioso: si inizia passando tra qualche albero e tra qualche cascatella con anatre che nuotano nei paraggi. Ma quando si scende verso il basso il percorso si fa più interessante.
La parte più bella è quella fronte alla cascata conosciuta come Skradinski Buk. E’ la cascata finale, nonchè la cascata più bella e scenica di tutto il parco, data dalla confluenza delle cascate precedenti.

Come Vedere il parco del Krka coi bambini

Come visitare il parco del Krka coi bambini: il bagno a Skradinski Buk.

Più che una meraviglia naturale sembra un’opera ingegneristica della natura trasformata in dipinto. Una serie di scalini giganteschi ricoperti d’acqua cadente, dove una volta arrivati lì davanti non si può far altro che sedersi o appoggiarsi ad un albero e ammirare quel quadro animato. Madre natura, quando ha dato il meglio di se, lo ha dato qui.

Se visitate il parco del Krka coi bambini, state pur certi che si divertiranno. Skradinski Buk è famosa anche per la possibilità di fare il bagno nella piscina antistante. Quest’ultima, creata naturalmente e delimitata da un cordone di sicurezza, permette di immergersi nelle acque gelide. Vietatissimi i tuffi. Se ci portate i vostri figli, ricordatevi che l’acqua è molto fredda e c’è la possibilità di cadere e farsi male. Il fondale è roccioso e quindi le scarpette o i sandali sono raccomandati. Se disponete di braccioli o salvagente, usateli.
Una volta terminato il bagno, di solito ci si ferma sotto gli alberi per mangiare. Ci sono anche dei bar ma i prezzi non sono proprio così economici.
Quando risalite per andare verso l’uscita percorrendo le scalinate, vi suggerisco di affacciarvi sulle cascate per vederle da vicino. Arriverete poi in un punto dove vi troverete ad ammirare il complesso di cascate dall’alto, una vista davvero scenica e spettacolare con un mulino sulla destra.

Come visitare il parco del Krka coi bambini

Il giro per il novanta percento dei visitatori termina qui. C’è chi, attraverso un battello, va a visitare anche le comunità che vivono nella zona del parco, il monastero di Burnum e le fortezze medievali. A voi la scelta.

A posteriori, confermo la prima opinione: il parco del Krka mi è piaciuto di più dei Laghi di Plitvice.

Visitare la città di Sebenico.

Se c’è una città che mi ha colpito più di tutte è stata Sebenico, conosciuta anche come Sebenico. Si affaccia su una baia ed un unico canale che la collega all’Adriatico.
All’inizio non l’avevo considerata nel nostro itinerario, ora che l’ho vista, penso che se l’avessi saltata me ne sarei pentito amaramente. Terminiamo la visita al Krka nel tardo pomeriggio, quindi arriviamo a Sebenico quasi al tramonto.

Visitrtare Sebenico Croazia

Potreste pensare che state perdendo tempo quando ci arrivate. Palazzi anonimi e brutti vi accolgono in periferia. Lasciateli alle spalle e dedicatevi al centro cittadino. Trovate parcheggio dove potete (poco distante dal porto ce n’è uno che costa anche poco).
La città si sviluppa in un continuo saliscendi di vie strette e vecchie. Non preoccupatevi, perdetevi tranquillamente, poi per ritrovare la strada puntate verso il basso, arriverete senza problemi.

Le attrazioni principali da vedere a Sebenico sono: la Cattedrale di San Giacomo, a pochi passi dal porto, La fortezza di san Michele, da cui si vede tutta la città – purtroppo mentre noi arriviamo stanno chiudendo – e il porto stesso. Qui in particolare, al gente cammina rilassata, ammirando il sole che si nasconde dietro alle colline sul mare, regalando tramonti da favola.

Pensavo di regalare anche un cena memorabile ai miei compagni di viaggio ma la cena ce la ricorderemo per non essere stata all’altezza delle aspettative: il mio risotto di pesce è pieno di aglio, gli spaghetti anzichè avere gli scampi hanno i gamberetti. Peccato. Ciò non toglie che la giornata ce la siamo comuque goduta.

Quanto costa il parco del Krka e mangiare a Sebenico.

Come detto la Croazia è un po’ più economica rispetto a noi. Il costo per l’ingresso al Krka è di 300 Kune, circa 40€. Siamo due adulti e due bambini.
Mentre mangiare al porto costa sui 35€. Vi ricordo che io ho mangiato male e non è un modo per sconsigliarvi di andarci. Io penso solo di essere capitato nel ristorante sbagliato. Voi magari sarete più fortunati di me.

Doveste visitare entrambi con figli piccoli al seguito, vi assicuro che il tutto è abbastanza semplice, non dovete preoccuparvi. In particolare al Krka, girare per il parco e tra le passerelle è abbastanza agevole. Forse un po’ più complicato durante la risalita. Noi avevamo anche il passeggino e non abbiamo avuto grosse difficoltà.
______________________________________________________________________________
Ti ricordo sempre i miei account IG, FB e TW e di seguirmi.

Tags:

6 Comments

  1. Che spettacolo! Siamo stati più volte in Croazia ma queste meraviglie ce le siamo perse. Direi che è un’ottima ragione per tornarci! Intanto ci godiamo le tue splendide foto!

    Rispondi
    1. Luca Pery 20/10/2018

      Grazie Andrea. Se tornate in Croazia non perdetevele ?

      Rispondi
  2. untrolleyperdue 18/10/2018

    Caro Luca, con le tue premesse, le tue splendide foto e il racconto della tua esperienza, non possiamo che inserire sia il Parco di Krka, sia Sibenik nel nostro itinerario in Croazia! E pazienza per il ristorante, ne cercheremo uno che ci permetta di godere di quel tramonto fantastico sul mare!
    Un abbraccio e buona giornata!

    Rispondi
    1. Luca Pery 18/10/2018

      Grazie Ale! Sono due meraviglie di cui non vi pentirete. In una giornata potete vederlo entrambi. Magari se dormite a Sibenik ve la godrete anche di sera ?

      Rispondi
  3. Fabio D'Amore 18/10/2018

    Sibenik sembra carinissima ed il parco è un sogno con quelle cascate e quel colore dell’acqua davvero incredibile!

    Rispondi
    1. Luca Pery 18/10/2018

      Sibenik è un gioiellino. Il Krka non sembra reale ma quando sarete la vi rendete conto che esiste tutto x davvero ?

      Rispondi

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: