Type to search

Canada

Come organizzare un viaggio in Canada: consigli e informazioni utili. La mia esperienza.

Share
Come organizzare un viaggio in Canada

Ammetto che il Canada è sempre stato un mio sogno. Sognavo l’ovest, sono finito a est, sognavo i grandi parchi e la natura selvaggia e mi sono trovato tra città storiche e tecnologiche ma anche tra una natura stupefacente. Nonostante puntassi dall’altra parte, il Canada Orientale non mi ha deluso e ne siamo rimasti entusiasti. Il mio viaggio in Canada on the road è stato bellissimo, organizzato ma anche un po’ improvvisato. Ammetto anche che non era la mia prima scelta, ma è stata solo una soluzione che ha anticipato di qualche anno un paese che vorrei aver visto più in là.

Qualcuno di voi si sarà chiesto come ho costruito il mio viaggio in Canada. Non preoccupatevi, qui troverete tutte le informazioni necessarie su come organizzare un viaggio in Canada in piena autonomia e senza spendere una fortuna. Troverete tutte le informazioni necessarie e anche di più, spero.

Come organizzare un viaggio in Canada orientale.

Per organizzare una visita in Canada, partiamo dalle due cose da fare subito in ordine cronologico: dai documenti e poi dal volo. Consiglio prima di fare i documenti necessari e poi acquistare il volo, non si sa mai che per qualche motivo la richiesta di visto non vada a buon fine.

Quali documenti servono.

Per quel che riguarda i documenti , vi serve solamente il passaporto, con validità residua di almeno sei mesi, e l’eTA, il visto elettronico ad uso turistico. Come fare l’eTA per il Canada e cosa sia questo benedetto eTA, sconosciuto a molte persone, vi rimando al link sul post precedente.

L’acquisto del volo.

Per quel che riguarda l’acquisto del volo, vi do qualche dritta e qualche consiglio. Ho acquistato il volo per Montreal e ritorno da Toronto. Ho prenotato il volo su Expedia – sito che sicuramente terrò a mente per i prossimi viaggi -. Avessi fatto andata e ritorno da un unico aeroporto avrebbe significato perdere almeno una giornata per tornare all’aeroporto di arrivo. Così su questo meraviglioso sito – scusate la slinguazzata – ho avuto modo di risparmiare e poter arrivare da una parte e ripartire da un’altra. Ci sono anche molti utili comparatori di voli, come Skyscanner. Io l’ho usato solo per vedere un po’ come era la situazione voli, poi ho scelto Expedia.

Avessi prenotato con le compagnie di linea, solo andata e solo ritorno, mi sarebbe costato un botto. Volare su due aeroporti diversi, idem. Expedia mi ha permesso di volare a costi contenuti con due compagnie diverse su due aeroporti diversi.

Come organizzare un viaggio in Canada

Siamo partiti da Venezia, scalo di quattro ore a Parigi e ripartenza per Montreal. Volo AirFrance. Bene il volo breve per Parigi, male il volo da Parigi a Montreal, con un Boeing 777 che mostrava un po’ i segni del tempo. Intrattenimento in italiano pari a zero, quindi noia totale se non per qualche giochino.

Il rientro da Toronto lo abbiamo fatto con Alitalia, e qui devo dire giudizio altamente positivo, oltre le aspettative. Per servizio, qualità, tipo di aereo, intrattenimento e gentilezza del personale. Aereo Airbus 330 nuovo di zecca. Scalo a Roma di un’ora e mezza e arrivo per Venezia.

Qual’è il periodo migliore per visitare il Canada?

Il periodo migliore per visitare il Canada va dai primi di Aprile a fine Ottobre circa. Potrete sfruttare in maniera particolare delle belle giornate e delle temperature miti se andate in Primavera. Se ci andate in Estate, le temperature saranno belle calde di giorno e anche di sera si starà bene. Altrimenti se visitate il Canada in Autunno coi colori del foliage, non deve essere affatto male.

Potrebbe essere un bel periodo anche in Inverno e magari sotto Natale. Però ricordate che le temperature vanno sotto zero, anche di 30 gradi a Quebec City e Montreal. Mentre a Toronto arrivano anche a -20. Valutate voi.

Noi ci siamo stati i primi 15 giorni di Settembre.

Quanti giorni per un viaggio in Canada?

Per un paese di tali dimensioni, un viaggio di 2 settimane – diciamo 15 giorni pieni – è giusto. Se riuscite a fare 3 settimane, ancora meglio, avrete modo di prendervela comoda.

Sconsiglio di fare solo 7 giorni: sono troppo pochi, a mio avviso. La permanenza minima, per quel che mi riguarda, deve essere almeno di 10 giorni.

Noi abbiamo fatto 13 giorni + 2 di viaggio.

Stabilite in anticipo l’itinerario e le sistemazioni.

Altra cosa che mi sento di suggerirvi: stabilite in anticipo un itinerario di massima, magari prenotando buona parte delle sistemazioni dall’Italia. Questo vi permetterà di risparmiare un bel po’ di soldi – si sa che le camere prenotate all’ultimo minuto costano di più. Ma per la questione soldi ne parleremo più sotto.

Prima vi ho detto di prenotare buona parte delle sistemazioni e non tutte. Prenotando metà itinerario, avrete poi libertà di manovra in loco. Oppure potete anche prenotare tutto, stabilendo poi cosa vedere nelle città una volta che siete là. Potete così inserire qualche escursione. Noi abbiamo optato per questa soluzione: abbiamo prenotato tutte gli alloggi dall’Italia e poi abbiamo inserito le escursioni e deciso gli itinerari cittadini.

Il nostro itinerario.

Siamo arrivati al dunque: al nostro itinerario. Siamo partiti da nordest e siamo andati verso sudovest, nella zona dei grandi laghi. Ecco le nostre tappe.

  • Giorno 1: arrivo a Montreal.
  • Giorno 2 partenza in auto e visita a Quebec City.
  • Giorno 3 giornata a Quebec City.
  • Giorno 4 Whale Watching a Tadoussac: davvero una bella esperienza.
  • Giorno 5 partenza e visita a Montreal,
  • Giorno 6 Montreal
  • Giorno 7 Escursione alle Thousand Island, parco naturale sul San Lorenzo a centottanta chilometri da Montreal.
  • Giorno 8 Partenza in treno per visitare Toronto in due giorni,
  • Giorno 9 Toronto – volevo andare alla Bruce Peninsula ma mi hanno persuaso a rinunciare.
  • Giorno 10 Toronto
  • Giorno 11 Partenza in Autobus per le Cascate del Niagara.
  • Giorno 12 Partenza per Toronto e l’Aeroporto Pearson International.
  • Giorno 13 Rientro.

Dove dormire?

Quando viaggiamo siamo soliti girare in appartamenti, essendo in quattro. Se il soggiorno è di una notte di solito alloggiamo in Hotel. Quindi la prima notte a Montreal l’abbiamo passata all’Holiday Inn Express Montreal di Dorval, un hotel poco fuori l’aeroporto prenotato su Booking.com . Ottimo tutto, dalla camera alla colazione, al personale.

L’Ultima notte alle cascate del Niagara abbiamo alloggiato in Hotel, e qui il giudizio è altamente negativo, perciò non farò il nome dell’hotel. Stanza prenotata direttamente con la struttura stessa.

Gli appartamenti li ho prenotati su Airbnb, come faccio di solito – quanto ti amo. Alloggi tutti belli, economici, con molti comfort e tutto quello di cui avevamo bisogno. E soprattutto ci hanno permesso di entrare in contatto con la gente del luogo.

Che tipo di viaggio che volete fare?

Prima di visitare il Canada, vi consiglio di pensare un attimo come volete visitare questo meraviglioso Paese. Volete fare un viaggio in Canada On the Road, oppure solo con mezzi pubblici? Pianificate di andare in mezzo alla natura selvaggia, oppure di natura non vi interessa nulla e preferite le città storiche – come Quebec City – oppure moderne – Toronto e Montreal – o ancora volete spassarvela al casinò – in questo caso a Niagara- ?

Ecco, tutto questo inficerà sulla voce successiva. Noi abbiamo optato per natura e modernità, viaggiando per gran parte On the Road lungo le strade Canadesi, ma anche utilizzando altri mezzi di trasporto.

Quanto costa un viaggio in Canada? Stabilite un budget giornaliero.

Un viaggio in Canada per 4 persone – 2 adulti e 2 bambini – costa tra i 3000€ e 4000€. Difficile spendere di meno, molto più facile spendere di più.

L’organizzazione e la prenotazione di alloggi, escursioni e mezzi di trasporto vi può far risparmiare piccole somme giornaliere che sommate vi daranno un grosso risparmio.

Comunque, stabilite un budget di spesa giornaliero con pranzo in giro e cena a casa la sera se alloggiate in appartamento. Sapete ovviamente che andando in Hotel spenderete di più.

Altra cosa: in cifre se una cosa costa 10 in Italia, in Canada costa più o meno lo stesso. Solo che il cambio vi favorisce in quanto costa tutto circa 1/3 in meno.

Cosa mettere in valigia.

Il mio suggerimento è quello di regolarvi con le nostre stagioni. Ovviamente sappiate che la sera fa un po’ più freschetto, quindi magari il classico giubbottino o la felpetta non fatevela mancare.

Scarpe comode, cappellini, abbigliamento casual. Se fate l’escursione sul San Lorenzo, sappiate che in barca, all’aperto, fa molto freddo. Quindi non dimenticate i guanti e magari la classica berrettina invernale.

Se viaggiate con bambini, portatevi il passeggino. Vi tornerò utile specie nelle grandi città.

Consigli su come muoversi attraverso il Canada.

Ho avuto modo di viaggiare per il Canada con tutti i mezzi possibili: auto, treno ed autobus.

Quali autonoleggi utilizzare durante un on the Road in Canada.

L’auto è stato il mezzo che abbiamo usato di più. Mi sono rivolto a due compagnie diverse di autonoleggio

  • La prima è stata Alamo: ho noleggiato un SUV da Montreal a Quebec City e viceversa. Oltre all’ottimo servizio, Alamo è decisamente economica rispetto ad altri autonoleggi. Mi hanno dato l’auto con un’ora di anticipo rispetto all’orario stabilito,
  • La seconda è stata con Avis: ho noleggiato per una giornata un’auto per recarmi fino alle isole Thousand Islands. All’Avis mi hanno upgradato l’auto per mancanza di disponibilità, quindi altro SUV, e non ho pagato nè il seggiolone per neonati nè il GPS in quanto l’auto non era stata ancora pulita – aveva solo due briciole di pane.

In treno con ViaRail.

Abbiamo voluto provare le ferrovie Canadesi. Da Montreal a Toronto siamo andati in treno con ViaRail. Devo ammettere che Trenialia e la sua alta velocità non la batte nessuno. Il tragitto è durato cinque ore e mezza di scossoni e un bel po’ di noia.

Biglietti prenotati con largo anticipo dall’Italia sul sito di ViaRail a un prezzo ridicolo. In stazione si fa il check in come in aeroporto.

Come organizzare un viaggio in Canada

In autobus con Greyhound.

Ultimo mezzo di trasporto usato in ordine cronologico: l’autobus. Ci ha condotto da Toronto a Niagara e da Niagara all’aeroporto Pearson Internationl di Toronto. Il giorno prima della partenza da Toronto ho cercato l’ufficio della Greyhound, – compagnia che collega il Canada fino agli USA – , e ho acquistato i biglietti per le due destinazioni sopracitate alla stazione degli autobus. Comodo, rapido ed economico.

Non puntalissimo ma se vi muovete con largo anticipo rispetto ai voli o ai vostri impegni, non è un problema. Percorre anche lunghe distanze, quindi potrebbe essere una buona soluzione se volete viaggiare per il Canada in autobus.

Consigli per organizzare le escursioni.

Vi consiglio di prenotare con anticipo dall’Italia. Ma in molti lo fanno anche in loco. Noi abbiamo fatto due escursioni: Thousand Islands e Tadoussac.

Per quel che riguarda la crociera sul San Lorenzo a Tadoussac, ho prenotato tutto online su Crosieres AML, sito che trovate in inglese o francese. le crociere partono da molte località che si affacciano sul fiume. Un’escursione del genere porta via una giornata intera, e avete l’opportunità di scegliere tra la barca e lo Zodiac, un gommone a motore.

Viaggio in Canada Orientale

L’altra escursione è stata alle Thousand Island, ma qui la crociera l’ho pagata direttamente a Brockville, affidandomi un po’ al caso e alla dea bendata. Non sapevo se c’era posto e soprattutto se c’era una crociera nel pomeriggio.

Cosa mangiare in Canada.

Non c’è una cucina tipica come la nostra.

Ho mangiato moltissimi panini, tra i quali alcuni di Subway e alcuni in ristoranti e li ho trovati molto buoni, specie quello col salmone.

Vi suggerisco di assaggiare la Poutine, il piatto tipico del Quebec: una bomba calorica fatta con patatine fritte, salsa per poutine e formaggio fuso. Sinceramente…una schifezza. Ma va assaggiata.

Internet e wifi a braccetto coi trasporti urbani.

Non ho ritenuto necessario l’acquisto di una SIM canadese. Questo perchè la wifi è presente praticamente ovunque: in metro, sui treni, autobus e per le vie delle città e tutte con accesso libero. Non serve nemmeno inserire una mail, basta accettare le condizioni e si è connessi con la rete. In altre città l’inserimento della mail personale era il minimo richiesto per connettersi col web dalle reti pubbliche.

La Wifi è talmente diffusa che va di pari passo coi mezzi di trasporto. A Toronto e Montreal in Metro si usava la wifi pubblica.

Peccato che la stessa Metro non sia così diffusa: in città come Montreal e Toronto ci si aspetterebbe una decina di linee, invece si arriva a malapena a quattro. A Toronto si gira o in autobus o in streetcar, che non è altro che un tram.

Altrimenti si può usare tranquillamente l’autobus, molto diffusi in tutte le città. A quebec city invece si gira per lo più a piedi, specie nella parte storica.

Viaggio in Canada Orentale

Carte di credito e moneta per gestire i pagamenti.

Essenziale per l’organizzazione del vostro viaggio in Canada è avere le informazioni utili per quel che riguarda pagamenti. Sono accettate le maggiori carte di credito, VISA, AMEX, MCARD.

Per le carte di debito, fate attenzione: se girate col Bancomat – ricordandovi di abilitarlo per l’estero prima di partire- e volete usarlo per i pagamenti, Bancomat si appoggia a Maestro. Ebbene, la maggior parte degli esercizi canadesi, e intendo qualsiasi tipo di esercizio, non accetta Maestro.

Potete però prelevare da quasi tutti gli sportelli ATM che trovate nelle banche o nei ristoranti stessi.

Vi consiglio comunque di ampliare il fondo della vostra carta di credito o munirvi di più contanti quando partite dall’Italia. Il giorno dopo il vostro arrivo provate comunque a fare un prelievo allo sportello, giusto per sapere se avrete maggiore liquidità oppure no: vi può tornare utile per gestire la spesa durante il viaggio.

Tutti i prezzi esposti non sono comprensivi delle tasse, quindi ogni volta aggiungete mentalmente un 15% di tasse statali.

Ad oggi, il cambio col dollaro canadese si aggira sui 70 centesimi di euro circa. I contanti sono sempre ben e largamente accettati. Noi abbiamo trovato il Canada un Paese che ci ha favorito essendo area euro. Con un po’ di attenzione, siamo riusciti a risparmiare. Vale comunque il discorso di 1/3 in meno.

Questione mance: dove sono richieste e in che percentuale?

In Quebec a Quebec City, la mancia viene messa a fine conto. Corrisponde circa al 7-10% e viene richiesta. A Montreal sale tra il 10-15%, viene richiesta ma non l’ho mai trovata a fine conto. A Toronto: non ho trovato una regola ma normalmente è tra il 10-20%, non viene nè messa a fine conto nè è richiesta, ma è gradita.

Come organizzare un viaggio in Canada

Se pagate cash, dite quanto lasciate, possono dare per scontato che sia tutto ok e tenersi la percentuale più alta. Però ci sono stati casi in cui non ho detto nulla e si son tenuti quanto spettava senza l’aggiunta di mancia. Se pagate con carta, dopo l’importo pagato, appare la voce Tip, dove potete scegliere o una percentuale o un importo da lasciare. Non so se potete saltare questa voce perchè almeno 5 dollari li lasciavo sempre. Non lasciare la mancia è sinonimo di servizio non all’altezza.

Conclusione.

Bene, credo che ora avete tutte le informazioni per organizzare un viaggio in Canada. E’ stato un paese insomma che ha lasciato il segno. Tornerò, ma per vedere l’ovest.

Se questo post su come organizzare un viaggio in Canada vi è piaciuto e avete amici prossimi alla partenza, fate loro presente questo post. Potrebbe tornar loro utile.

Tags:

7 Comments

  1. Gipsy 26/09/2017

    troppo bello il Canada!

    Rispondi
    1. lucapery 26/09/2017

      Eh gia, fa venire voglia di tornarci…

      Rispondi
      1. Gipsy 26/09/2017

        DAVVERO! la prossima volta farò la parte che hai fatto tu!

        Rispondi
        1. lucapery 26/09/2017

          Brava! Io invece andrò a ovest, credo tu ci sia gia stata…

          Rispondi
          1. Gipsy 26/09/2017

            sì esatto! bellissimo anche di là!

            Rispondi
          2. lucapery 26/09/2017

            Allora ci “scambieremo i viaggi” poi ce lo racconteremo.

            Rispondi
          3. Gipsy 26/09/2017

            Esatto! ?

            Rispondi

Commenta

error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!