Type to search

Italia

Montepulciano: cosa vedere nel borgo del Vino Nobile.

Share
Montepulciano cosa vedere

Mentre rientravamo dal nostro viaggio in Maremma ci siamo fermati a visitare Montepulciano. Onestamente non era nemmeno in programma questa tappa e cosa vedere nel borgo lo abbiamo scoperto solo quando abbiamo parcheggiato l’auto.

La nostra improvvisa fermata in uno dei borghi più famosi della Toscana è stata dettata dalla nostra fame e dalla sua fama – e scusa il gioco di parole – . Qualche anno fa eravamo stati a Siena, città di cui non ti ho mai parlato, e una giornata l’abbiamo dedicata alla scoperta dei borghi limitrofi. Quella volta avevamo visitato Montalcino ma mi era dispiaciuto non aver visto questo meraviglioso paesino tra le colline toscane. Mi ero ripromesso di vedere Montepulciano durante un viaggio in Val d’Orcia, ma anche se la Val d’Orcia è ancora un sogno almeno sono stato a Montepulciano, finalmente

Ora che sai come siamo finiti nella città del Vino Nobile, immagino tu voglia sapere cosa vedere a Montepulciano. Situato in provincia di Siena, è uno dei borghi più belli di tutta la Toscana, è ricco di storia e soprattutto – manco a dirlo – vino rosso. Se cerchi una degustazione in cantina o un paesaggio sulle colline toscane in un borgo medievale unico, non ti resta che venire qui.

Storia di Montepulciano.

Abitata già in età etrusca, Mons Politianus inizia ad apparire nei primi documenti nel 715 ma è dal XII che si afferma come centro di rilievo. Si situa proprio lungo l’asse viario che dalla Val d’Orcia e Siena conduce a Firenze.

La crescita di Montepulciano risulta interessante per Siena e per Firenze: le due città iniziano a scontrarsi più volte per il possesso di Montepulciano. Dal 1200 è per tre secoli, Firenze e Siena si contenderanno Montepulciano: averne il controllo significava controllare le vie commerciali della Val d’Orcia e della Valdichiana, nonché delle valli stesse.

Nel XIV secolo Montepulciano diventa un importante punto di riferimento commerciale. Piazza Grande è il centro istituzionale, lungo le vie della città si sviluppano le attività mercantili e manufatturiere. Nel 1561 diventa anche sede vescovile.

Nel XIX secolo Montepulciano si afferma come centro per le attività agricole e vitivinicole, fino a diventare ai giorni nostri uno dei centri più importanti per quel che riguarda i vini.

1. Montepulciano: cosa vedere. Il centro storico.

La tua visita a Montepulciano inizierà dal centro storico e dalla via centrale chiamata il Corso. Si divide in tre parti contigue: via di Gracciano, Via di Voltaia e Via dell’Opio nel Corso. Se entri come abbiamo fatto noi da porta al Prato ti troverai subito davanti la colonna del Marzocco, una colonna con in cima un Leone Fiorentino. Questo leone vi fu posto nel 1511 in sostituzione della Lupa Senese per decretare la fine di 26 anni di dominio della Repubblica Senese su Montepulciano.

Centro di Montepulciano

Il leone indicò il passaggio della città sotto il dominio di Firenze. E fu proprio sotto il dominio dei Medici che Montepulciano arrivò al suo massimo splendore, nel XVI secolo. Molti dei palazzi più importanti del centro risalgono a questo periodo e per vederli dovresti uscire dalla via principale. Lungo tutto il Corso si diramano le stradine che conducono a quelli che furono in passato dei palazzi sfarzosi e residenze lussuose: Palazzo Bucelli, Palazzo Cervini, Palazzo Ricci o palazzo di Monte Pio giusto per citarne alcuni.

Alla fine del Corso si trova via Poliziano e al 5 si trova la casa di Agnolo (Angelo) Ambrogini, detto il Poliziano, nato qui nel 1454. Io del corso ho particolarmente apprezzato i negozi ma soprattutto le mille enoteche che vendono vino ed in cui è possibile fare delle ottime degustazioni.

Infine a Montepulciano si trovano anche delle chiese importanti. Se meritano menzioni la Chiesa di Sant’Agostino e la Chiesa di San Francesco, della Chiesa di San Biagio, la più famosa tra tutte, di cui parlerò sotto.

2. Vedere Pulcinella a Montepulciano

A metà di Via Gracciano, potrai notare il Pulcinella sulla Torre dell’Orologio di Montepulciano, in Piazza Michelozzo. Un luogo decisamente fuori posto per una maschera tipica di Napoli. Eppure si trova qui da più di 300 anni. Non si conosce il vero motivo per cui il Pulcinella sia finito sopra questa torre, probabilmente aveva il compito di scandire le ore.

Sconosciuto anche il nome di colui che ha fatto piazzare questa statua sopra la torre dell’orologio. La leggenda dice che fu un vescovo di origine napoletana a volerlo in cima alla torre: ispirato al celebre “Mangia” di Siena, che scandiva le ore sopra l’omonima torre, la figura messa sopra la torre nel 1524 doveva avere il medesimo scopo. Il vescovo – ma si dice anche uno sconosciuto benefattore – durante il restauro del 1680 decisero di vestirlo come Pulcinella.

Un’altra teoria dice che sia anche stato un omaggio al teatro.

Montepulciano cosa vedere
Pulcinella a Montepulciano

3. Visitare Piazza Grande.

Piazza Grande è la piazza principale e maggior luogo di aggregazione. E’ qui che si trova il Duomo di Montepulciano – ad accesso libero -. Sorta sui resti dell’antica Pieve di Santa Maria tra il 1592 e il 1630, ha la facciata frontale incompleta, ossia ancora al grezzo e non è mai stata completata.

Piazza Grande, Montepulciano

Ma piazza Grande non è sede solo del Duomo. Qui vi si trova anche il Palazzo del Comune di Montepulciano, che ha una struttura molto simile a Palazzo Vecchio a Firenze. Voluto da Cosimo De’ Medici in persona è giusto dire che ci sia grande somiglianza tra i due Palazzi. È possibile salire sulla torre del Palazzo e vedere il borgo dall’alto. Costo del biglietto: 5€ per salire sulla torre, 2.50€ per salire sulla terrazza. Orario: 10.00 – 18.00 tutti i giorni da Aprile a Ottobre.

Qui vi si trova anche Palazzo Nobili-Tarugi, palazzo caratterizzato da un ampio portico ed ad oggi ancora privato, ed il Palazzo del Capitano giusto al suo fianco.

Montepulciano cosa vedere
All’interno del Duomo di Montepulciano.

Infine, last but not least, sempre qui in piazza si trova il Pozzo dei Grifi e dei Leoni, un pozzo con due colonne ai suoi lati, un architrave, due leoni e due grifoni sopra l’architrave. I leoni sostengono lo stemma dei Medici. Bello da vedere ma oggetto forse di troppi selfie.

4. La Fortezza Medicea.

A pochi passi da Piazza Grande si trova uno degli edifici più importanti della città: la fortezza Medicea. Eretta nel 1261 per scopi militari, fu distrutta più volte e conseguentemente ricostruita in seguito alle beghe tra fiorentini e senesi. Le varie ricostruzioni le hanno dato l’aspetto attuale. Dalle sue stanze, se il tempo è bello, è possibile ammirare il panorama circostante della Valdichiana e della Valdorcia.

Col passare dei secoli la Forteza Medicea ha riadattato la sua funzione e la leggenda narra che è costruita su un tempio romano dedicato a Mercurio o a Giano. La funzione della Fortezza, intesa come tale, cambia nel 1614 quando la fine delle contese tra Senesi e Fiorentini e il terremoto del medesimo anno.

Tra le sue varie funzioni, e’ stata allevamento Bacologico, dove Francesco Saverio Melissari allevava il baco da seta. Attualmente è adibita a luogo per esposizione di mostre, sala convegni ed eventi, mentre fino a qualche decennio fa era adibita a scuola pubblica.

5. Fare una degustazione e acquistare il Vino Nobile o il Rosso di Montepulciano.

Cosa da fare assolutamente a Montepulciano è non tornare fuori dalle mura a mani vuote. Hai solo l’imbarazzo della scelta su dove comprare la tua bottiglia di Rosso di Montepulciano o di Vino Nobile. Io ho preso una confezione doppia.

Se invece vuoi fare una degustazione di vini basta che chiedi nelle enoteche, nei bar o nei ristoranti, questi ultimi due quasi tutti con cantina ben rifornita. Secondo me è da fare se stai facendo una visita di un giorno a Montepulciano. La degustazione di solito include da 3 a 5 vini ed è accompagnata da abbinamenti di salumi o formaggi locali. Se ti fermi poche ore invece fai un acquisto. Ad ogni modo, assaggia uno dei due vini che ho preso io.

Montepulciano cosa vedere
I miei acquisti a Montepulciano.

6. Ammirare le colline toscane dal Belvedere.

Uno dei paesaggi che in assoluto adoro più di qualsiasi altro è quello delle colline toscane. Se prendi una via laterale puoi benissimo arrivare ai bordi delle mura per ammirarle e vedere come si estendano a perdita d’occhio. C’è un luogo però dove si vedono bene.

Noi le abbiamo ammirate dal Belvedere di Porta delle Farine: se percorri tutta la via principale passando rispettivamente da Via di Gracciano, Via di Voltaia e Via dell’Opio nel Corso e arrivi fino alla fine, subito dopo si trova via delle Farine con un’indicazione con scritto Belvedere.

Varca Porta delle Farine e ti troverai su di una terrazza panoramica con vista come quella sotto. Mia figlia che non voleva venirci ne è rimasta incantata – lo so è meglio dal vivo -.

Colline Toscane

7. Chiesa di San Biagio.

Infine, tra le cose da vedere a Montepulciano, ci sono anche le chiese. Se meritano menzioni la Chiesa di Sant’Agostino e la Chiesa di San Francesco, la Chiesa di San Biagio merita un approfondimento: si trova al di fuori del centro storico ed è considerata la massima espressione dell’architettura rinascimentale.

È dedicata a San Biagio, medico di origine armena a cui i fedeli si rivolgevano per la guarigione di molti mali, specie quelli della gola. Conosciuta anche come il tempio di San Biagio, è una chiesa con pianta a croce greca e si trova su di un prato dove la val di Chiana incontra la Val d’Orcia. E’ opera di Antonio da Sangallo il Vecchio, che la edificò tra il 1518 e il 1545 sui resti di un’antica Pieve Paleocristiana.

Se al suo esterno si trovano due campanili, di cui solo quello a sinistra è stato completato, al suo interno si trova sull’altare Maggiore un bell’affresco raffigurante la Madonna col Bambino e san Francesco, protagonista dei miracoli che portarono alla costruzione del tempio.

8. Montepulciano: cosa vedere nei dintorni.

Se ti fermi per più giorni a Montepulciano e vuoi visitarne i dintorni ti posso indicare Siena, Pienza, Bagno Vignoni e Montalcino come luoghi da vedere nelle vicinanze. Come detto nell’introduzione, due di questi posti li ho visti anni fa ma non ne ho mai parlato. Lo farò quando tornerò a Siena ed in Val d’Orcia, un luogo che sogno da una vita di vedere e che in passato ho solo sfiorato.

Non ti racconterò dove dormire o dove mangiare a Montepulciano, qui lascio alla tua ispirazione: posso dirti che la zona è piena di agriturismi nelle colline toscane e di locali lungo il Corso.

Dove si trova Montepulciano e come arrivare.

Montepulciano si trova in collina ad una altitudine di 605m sul livello del mare, tra la Val d’Orcia e la Valdichiana ed è in provincia di Siena. I paesi più interessanti con cui confina sono Torrita di Siena a nord, Pienza a ovest, Chiusi e Chianciano Terme a sud mentre a est si trova la regione Umbria.

Per arrivare a Montepulciano devi prendere l’autostrada del Sole A1.

  • Se arrivi da nord, devi uscire a Valdichiana-Bettolle, se arrivi da sud devi uscire a Chiusi-Chianciano.
  • Se arrivi dalla superstrada Siena – Perugia esci a Sinalunga.
  • Se arrivi da Roma lungo la via Cassia, segui per Montichiello e Montepulciano, se arrivi da Siena invece segui per Pienza, San Quirico d’Orcia e Montepulciano.

Spero che questo articolo ti sia utile: ora conosci Montepulciano e sai cosa vedere in questo bellissimo borgo, famoso soprattutto per il vino. Io non vedo l’ora di tornare in Val d’Orcia per passarci qualche giorno. Anzi, fai una cosa: se ti va, seguimi sui miei social Instagram, Facebook, Twitter e TikTok per rimanere aggiornato sui miei viaggi. Hasta Luego e buon viaggio!

Tags:
error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!