Type to search

Malta

Gozo: cosa vedere, cosa fare in un giorno e come arrivare nell’isola.

Share
Cosa vedere a Gozo in un giorno

Di sicuro se stai per andare a Malta avrai sentito parlare dell’interessantissima isola di Gozo: cosa vedere, cosa fare, come arrivarci e quanto stare saranno domande a cui starai cercando risposta prima di partire per l’isola di Malta. Non preoccuparti: qui troverai tutto quello che ti serve. Conosciuta come l’isola di Calypso, Gozo si visita in un giorno solo.

Dopo esserci dedicati alla visita di Valletta e i suoi dintorni, durante il nostro viaggio a Malta un giorno lo abbiamo speso per visitare Gozo, che si trova a nord dell’isola. Una giornata nell’isola è un ottimo modo per completare il tuo itinerario. Mi sento di dirti che non vale la pena passare qualche notte qui, ma recarsi a Gozo e vederla in un giornata, partendo di buon mattino e tornado la sera tardi, assolutamente sì.

L’isola non è poi così estesa, è facilmente percorribile in auto o con i mezzi pubblici e anche qui la componente storica è molto marcata. Forza, andiamo a scoprire cosa vedere a Gozo e cosa fare in un giorno.

Gozo Cosa vedere

Cosa vedere a Gozo: da dove iniziare?

Punto di partenza secondo me deve essere la città di Vittoria, e da qui poi muovesi tra i luoghi più interessanti dell’isola. Piccola anticipazione: una delle cose da vedere a Gozo non esiste più.

1. Visita alla città di Victoria.

Si può dire che tutte le strade di Gozo portano a Rabat. Il luogo da cui far partire la tua visita a Gozo è la città di Victoria, conosciuta anche come Rabat. Noi la raggiungiamo in auto quando dopo circa mezzora di nave scendiamo dal Ferry. Vittoria è la città più importante nonchè capitale dell’isola. Come in tutta Malta, le case sono di color ocra, la terra arida e per lo più rocciosa. Rabat ci accoglie attorno a mezzogiorno con il suo traffico caotico, anche se non così intenso.

Gozo Cosa vedere

Parcheggiata la macchina, vorremmo andare subito a vedere la Cittadella di Victoria passando attraverso le sue stradine. Subito perdiamo l’orientamento e una signora ci dà le giuste indicazioni per ritrovare la bussola e trovare il cuore della città. Arrivati alla piazza più importante della città, It-Tokk, sul quale si affacciano ristoranti e bancarelle, ci avviamo verso una strada in pendenza che ci dovrebbe portare alla Cittadella.

Cosa vedere a Gozo in un giorno

Prima però visitiamo un po’ meglio il centro della città, in stile maltese ma con fortissime influenze inglesi. Su piazza It-Tokk si trovano le bancarelle che sono parte del mercato giornaliero. Andiamo poi a visitare la Basilica di San Giorgio, situata a pochi passi dalla Piazza. Visitiamo invece i giardini di villa Rundle al termine della visita alla Cittadella, tornando indietro. I giardini servono più che altro a dare riparo e ristoro dal sole maltese.

Cosa vedere a Gozo

2. La Cittadella di Victoria.

La Cittadella di Vittoria è forse il luogo più frequentato dai turisti di tutta Gozo, nonchè quello più interessante. Costruita in posizione rialzata per motivi di difesa, è visibile da quasi ogni angolo dell’isola. Utilizzata per lunghi periodi come riparo dagli attacchi di Corsari e Saraceni, la Cittadella ospitò la popolazione quando questi, per legge, erano obbligati a passarvi le notti. Questo fino al 1637.

Cosa vedere a Gozo in un giorno

Quando si entra nella Cittadella, si attraversa la prima cinta muraria dove si trova una salita ripidissima. La salita è decorata con aiuole e giardini. Quando si incontra la seconda cinta muraria e la si attraversa, si arriva alla piazza antistante la Cattedrale. Da qui si diramano le stradine che ci conducono a vedere Rabat dall’alto e a fare il giro, ma c’è pure da visitare – per chi volesse – il museo del Folklore e della Natura, più qualche negozio di souvenir.

Cosa vedere a Gozo

Ci concediamo una visita tra le stradine, poi, affamati ci piazziamo in un ristorante con vista niente male e coi prezzi molto buoni. Mangiamo un piatto a base di carote, piselli e rotolo di vitello con verdure e un’altro con due bruschette al pomodoro, formaggio fritto di capra, focaccia, verdure e patate fritte accompagnato da una ottima salsa al mango. Pranzo molto positivo e molto buono, soprattutto per uno che il formaggio non lo vuole neanche vedere.

3. Vedere quel che resta dell’Azure Window.

Mi ritengo una persona fortunata ad averla vista, perchè oggi l’Azure Window non c’è più. Per vederla dovevi dirigerti verso la parte occidentale di Gozo.

Sottoposta alla continua azione erosiva del mare e del vento lungo gli anni, col passare del tempo la parte interna di questo spuntone di roccia è crollato, generando una sorta di finestra sul Mediterraneo. Gli elementi naturali hanno insistito nel corso dei secoli e nel Marzo 2017 hanno fatto crollare l’arco naturale. Per fortuna è crollato in un momento in cui non c’era nessuno.

Le persone che si recavano qui andavano a fare il bagno per ammirarla da sotto. Ora ci si va per fare solo il bagno, molti sub si immergono per esplorarne il fondale. In passato era anche possibile anche affittare un motoscafo e passare attraverso l’Azure Window.

Cosa vedere a Gozo

Quel che ne resta ora sembra più un paesaggio lunare, con la sola differenza che qui nei piccoli crateri ci trovi acqua e sale, forse portati dal mare in burrasca durante l’invernata.

4. Visitare una delle baie più famose di Gozo: Dwejra Bay.

Dwejra Bay è la baia dove si trovava la Finestra Azzurra. Dato questa non c’è più a Dwejra bay puoi vedere:

  • La Fungus Rock. Una roccia su si dice ci sia una leggenda che narra di un fungo miracoloso. I Cavalieri Ospitalieri scoprirono questo fungo e ritenevano avesse incredibili proprietà medicinali. Solo i nobili avrebbero potuto beneficiarne. Le proprietà erano talmente benefiche che per proteggerlo i Cavalieri fecero sorvegliare la roccia.
  • La Inland Sea, conosciuto come mare interno. E’ una baia marina collegata al mare da un tunnel lungo 80 metri.
  • Anche qui si trova un Blue Hole, come a Dahab. E’ un famoso sito di immersioni.

5. Andare in spiaggia a Gozo e visitare le saline di Marsalforn.

La nostra giornata a Gozo si è chiusa a Marsalforn. Ed è proprio qui che ti consiglio di andare, ma solo se vuoi andare in una spiaggia di sabbia. Malta è per lo più rocciosa, ma non mancano le spiagge sabbiose. Se vai a nord dell’isola di Gozo, a Marsalforn, trovai una bella spiaggia con acqua fresca e pulita. Marsalforn non è una cittadina dove andrei in vacanza, ma è ottima per un rinfresco dopo aver passato le ore più calde della giornata in giro. Marsalforn è una località che ho trovato piuttosto decadente, piena di edifici mal tenuti. Ma per fortuna la spiaggia è molto bella.

Se hai tempo durante il tuo giorno a Gozo, visita anche le saline di Marsalforn. Si trovano a due chilometri dal centro abitato di Marsalforn e sono tutt’ora utilizzate dalle famiglie maltesi per produrre il sale. Sono state create dai Fenici e sono delle vere e proprio vasche scavate sulle scogliere. Noi le ammiriamo da fuori e si vede una scacchiera sul mare, creata dalle rocce che riaffiorano sull’acqua.

6. Il Santurio di Ta’ Pinu.

Il santuario di Ta’ Pinu, situato nelle campagne di Gozo: è una basilica costruita tra il 1920 e il 1931 e ancora oggi meta di pellegrinaggio e devozione da parte dei fedeli. Venne costruita qui perchè nel 1883 una donna senti la voce della Vergine Maria provenire da un’antica cappella che oggi è inglobata nel Santuario. A seguito di questa “chiamata” si seguirono altri miracoli, e così si decise di erigere questo santuario. La chiesa è in stile gotico con la pianta a croce latina.

Cosa vedere a Gozo.
Copyright: Pixabay

Io ti consiglio di visitarlo.

7. I tempi di Templi di Ggantija.

Questi non li ho visti ma te li segnalo comunque: sono i Templi di Ggantija. E’ un sito UNESCO, e sono la costruzione umana più antica al mondo ancora in piedi. Sono dei templi megalitici situati nel piccolo villaggio di Xaghra e sono stati eretti tra il 3600 e il 3200 a.c. . I templi hanno una forma di donna enorme, forse per indicarne la fertilità.

All’interno dei templi sono stati ritrovati dei resti di animali, a testimonianza che questi venivano usati come luogo per sacrifici agli Dei.

8. Come arrivare a Gozo.

Per raggiungere l’isola di Gozo, l’unico modo è quello di prendere il ferry boat la mattina presto e rientrare la sera tardi.

Per il biglietto invece, non è necessaria la prenotazione, basta recarsi all’imbarcadero, acquistare il biglietto e attraversare. La compagnia di navigazione si chiama Gozo Channel. Ecco il link per costi ed orari.

Mentre stiamo per raggiungere Gozo, passiamo davanti all’altra isola di Malta, Comino. un’ isola disabitata ma famosa per le sue acqua blu cobalto, in particolare per quelle della Laguna Blu.

Se vuoi prenotare un’escursione a Gozo e Comino in barca per fare il bagno, vi lascio un link molto utile.

9. Come spostarsi a Gozo.

Ci sono due modi per visitare Gozo muovendosi in giro per l’isola:

  • Muoversi in auto: a meno che non ci vai con la tua auto a Malta, ti consiglio di noleggiarne una ed essere totalmente indipendenti.
  • L’altro modo è coi mezzi pubblici: io lo sconsiglio perchè sono rari e non raggiungono tutti i punti dell’isola, ma se voi preferisci i mezzi pubblici, scelta rispettabile e comunque valida.

Se vuoi saperne di più sull’isola di Malta e stai pianificando un viaggio qui, leggi il mio post su:

Spero che tute queste informazioni vi possano tornare utili per se stai cercando cosa fare e cosa vedere a Gozo in un giorno. Buon divertimento.

Tags:

3 Comments

  1. Doveri e Piaceri 23/11/2016

    Gozo fortunatamente l’ho girata in pullman, ma a Malta tra deviazioni per lavori in corso, strade dissestate e guida all’inglese è proprio un incubo. Non so come la pensi tu ma secondo dal punto di vista delle strade è proprio collegata male.

    Rispondi
    1. lucapery 26/11/2016

      Si è vero che le strade sono dissestate e la guida all’inglese può dare problemi, però col navigatore siamo arrivati ovunque e non la trovo così mal collegata.

      Rispondi
      1. Doveri e Piaceri 28/11/2016

        Noi eravamo in scooter con una cartina e non è stato facile, viste le tante deviazioni per lavori e ti posso assicurare che viaggiamo spesso quindi di cittadine ne abbiamo viste molte e non abbiamo mai avuto nessun problema a muoverci.

        Rispondi

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!