Cosa fare a Marbella senza spendere troppo.

Cosa fare a Marbella

Questo viaggio in Andalusia non avrebbe mai preso forma se non fossi passato per le spiagge dell’Andalusia. Avrei rischiato la vita. Se mi seguite – e spero lo facciate – sapete benissimo quanto ci tenga la mia compagna di viaggio e di vita a sfruttare il mare. La scelta quindi è ricaduta su Marbella. All’inizio pensavamo di accasarci a Malaga, ma la scelta non mi convinceva. Allora ho optato per Marbella, consapevole del rischio che avrei potuto spendere una fortuna. Marbella infatti è la capitale della movida notturna Andalusa. E anche se non viviamo di notte, girovagare per le vie potrebbe essere davvero costoso se non si sta attenti. Ecco allora qualche suggerimento su cosa fare a Marbella senza spendere un patrimonio. Ma prima di parlarvi di questa bellissima località turistica….

Nerja, el balcón de Europa.

….facciamo una tappa a Nerja, prima di arrivare a destinazione. Dopo il soggiorno a Granada per visitare l’Alhambra, ripartiamo alla volta di Marbella, ma prima ci fermiamo a Nerja. Nerja è una località di medie dimensioni molto turistica. Deve la sua popolarità al fatto di essere conosciuta come el balcón de Europa. E’ nota infatti per avere nel suo centro una grandissima terrazza che dà sul mare. Da qui, si può ammirare il Mar Mediterraneo a quasi 360 gradi. Ci si trova in posizione rialzata rispetto alla spiaggia ed al mare. E’ come si ci si trovasse ad ammirare il mare sul balcone di casa propria. La vista è davvero molto bella e la terrazza è sempre piena di gente, a qualsiasi ora del giorno e della sera.

Nerja è anche famosa per avere il clima più bello di tutto il continente Europeo: infatti, l’azione mitigatrice del mare e la sua posizione così a sud ma riparata dai monti, fanno si che Nerja abbia temperature calde in estate e miti in inverno, rendendola vivibile tutto l’anno. E’ una voce popolare, ma vista così sembra giustificata.

Cosa fare a Marbella.

Trovare un alloggio non troppo caro.

A mano a mano che ci si allontana dalle tre città andaluse più famose – di cui vi ho già parlato con un vari post – si perde sempre di più il vero spirito andaluso. Più si va a sud, più la presenza spagnola è affiancata da quella inglese e di ogni altra nazionalità. La prima e vera sfida sta nel trovare un alloggio che abbia un prezzo decente. La zona è famosa per i campi da golf. Ci sono numerose ville che li costeggiano, ma ci sono anche moltissimi alloggi, resort e appartamenti più o meno lussuosi situati all’interno degli stessi campi a diciotto buche.

Cosa fare a Marbella

Nella mia ricerca su internet ho trovato diversi appartamenti ma di economici molto pochi. Per fortuna su Airbnb.it ne ho trovato uno bellissimo. Situato a quindici minuti a piedi e cinque di auto da Puerto Banús, la zona più cool di tutta Marbella, l’appartamento è stata una vera e propria chicca. Il proprietario, Leo, è un golfista professionista che gestisce la casa dei suoi genitori.

Cosa fare a Marbella

L’appartamento si trova a Nueva Andalucia si situa in un complesso di tre stabili composti da almeno tre unità per piano, con due piscine accessibili agli inquilini e poco distante da alcuni supermercati. Per l’alloggio abbiamo speso solo 100 euro a notte. Possono sembrare tanti ma data l’elevata mole di servizi presenti all’interno dell’appartamento e i prezzi che trovavo nei dintorni – non riuscivo a trovare a meno di 130-150 euro a notte – direi che questa soluzione è ottima se volete stare in una zona trendy senza spendere una fortuna.

Cosa fare a Marbella

Il mio consiglio quindi è cercare, cercare e ancora cercare. Alla fine troverete. Non vi puntate sulle zone troppo centrali, rischiereste di spendere troppo e trovare servizi troppo cari. Piuttosto pernottate leggermente fuori e muovetevi in auto.

Cosa fare a Marbella

Visitare Puerto Banús con la sua spiaggia e la sua vita notturna.

Puerto Banús è decisamente un’isola felice. Nel senso che qui la sera ti diverti sul serio. Bisogna però stare attenti a dove si mettono i piedi. Perchè ogni vostro passo falso o acquisto vi possono costare cari. Ma questo vale per noi comuni mortali. Chi viene qui in vacanza per vivere Puerto Banús, non è sicuramente uno sprovveduto. Basti pensare che chi parcheggia l’auto ha una Bentley, un Maserati o una Ferrari e chi attracca la barca ha come minimo bisogno di uno spazio di 15 metri in lunghezza – ho detto minimo eh. Molti personaggi famosi vengono durante la sera qui a camminare sul lungomare, personaggi dello sport, ma anche dello spettacolo o divi di Hollywood.

Puerto Banus
© Pixabay

I locali, sempre pieni, offrono menú sofisticati, con carne e pesce mentre i bar propongono cocktail anche a 20€ l’uno. Quando poi non costeggia il mare, la via ha molti negozi di marca e prezzi almeno a due zeri dopo il primo numero. Preparatevi anche a sgranare gli occhi da tanta bellezza maschile che femminile. E qui, non è raro sentirsi dire da qualche ragazza “ti va di passare la serata con me?”.

Hard Rock Cafe

Per evitare di farsi spennare, il mio consiglio è quello di mangiare magari nelle vie interne o distanti dal lungomare. Per la cronaca, da amante del rock, ci siamo fermati a cenare all’immancabile Hard Rock Cafè. Avevamo altre idee per la cena, ma poi su insistenza dei figli abbiamo optato per il Rock. Consultate comunque i vari siti di recensioni per vedere prezzi e opinioni.

Anche le spiagge non sono male. Andare in spiaggia con la cornice delle montagne alle spalle non è affatto male.

Cosa fare a Marbella

Vi suggerisco inoltre un’attività se vi piace la bicicletta: un tour di Puerto Banús lungo 7 chilometri.

Cosa fare a Marbella: visitare il centro storico.

Situato a un quarto d’ora di auto da Puerto Banus, la parte vecchia della città è davvero molto bella. Nonostante lo spirito andaluso sia praticamente scomparso nelle tradizioni e lungo le strade, nella città vecchia è possibile trovare ancora delle tracce di vera Andalusia.

Cosa fare a Marbella

Visita al Casco Antiguo e Plaza de los Naranjos.

Cuore del Centro storico, conosciuto come Casco Antiguo, è Plaza de los Naranjos. Nella piazza si trovano molti alberi di arancio che la decorano e la rendono molto suggestiva.

Plaza de Los Naranjos
© gites.fr

Oltre a questo ci trovate il Palazzo dell’Ayuntamiento e la chiesetta dell’Ermita de Santiago, anche questa in origine era una moschea, poi convertita in chiesa. Vi suggerisco di visitare magari la piazza in un orario non notturno, perchè di sera è troppo turistico: i ristoranti riempiono i loro tavoli all’aperto e la piazza è troppo affollata.

Cosa fare a Marbella

Ammirare le pareti in fiore e i vari Carmen.

Sembrerà strano, ma una delle cose da fare a Marbella è quella di ammirare i vari Carmen e le pareti decorate di fiori. Ce ne sono molte. E se vi state chiedendo cosa siano i Carmen, non sono niente altro che i giardini, privati o pubblici, lungo le strade del Casco Viejo. Si chiamano Carmen perchè provengono dalla parola araba Karm, giardino.

La Iglesia de nuestra Señora e la sua piazza.

Inconfondibile il suo campanile. Lo si vede da molti punti della città. La chiesa da il nome anche alla piazza omonima, sede dei festeggiamenti cittadini e situata a pochi passi da Plaza de los Naranjos. A me è piaciuta molto di sera.

Le spiagge di Marbella.

Oltre alla spiaggia di Puerto Banús, famosa per essere popolata da personalità del jet set mondiale, Marbella ha anche molte altre spiagge più o meno vicine al centro storico, ma molto ben curate. Se andate dal centro alla spiaggia, passando per el parque de la Alameda, arriverete alla Playa de Venus, molto bella e di sera popolata di locali e di gente. Se queste spiagge sono troppo poche per, sappiate che il litorale conta fino a 30 chilometri di spiaggia.

Marbella

Come vedete quindi di cose da fare ne avete, nonostante la località sia molto esclusiva. Non demoralizzatevi, vi potete divertire comunque senza spendere grosse cifre.

_____________________________________________________________________________

Spero che questo post ti sia piaciuto. Ti chiedo allora come sempre un like alla mia pagina Facebook e di seguirmi su Instagram e Twitter.

Author: lucapery

Rispondi