Type to search

Italia

Cosa vedere a Venezia in un giorno: itinerario a piedi con mappa.

Share
Cosa vedere a venezia in un giorno

Venezia, per me, resta sempre la più bella del mondo: ogni volta che ci vado è una nuova scoperta. Nonostante ogni anno richiami milioni di turisti, i primi a visitarla e a restarne ammaliati sono sempre i visitatori delle zone limitrofe. La città lagunare ha la capacità di richiamare tantissimi escursionisti, col risultato di farli ritornare a casa affascinati da tanta bellezza.

Gli abitanti delle zone e delle regioni limitrofe di solito dedicano un giorno per la visita a Venezia. Ed è proprio di questo che oggi ti vorrei parlare: di cosa fare e cosa vedere a Venezia in un giorno, nel caso tu stia pensando di recarti nella città lagunare durante un fine settimana o in un giorno feriale.

cosa vedere a Venezia in un giorno

Date le dimensioni, visitare Venezia in giornata non è poi così complicato. Basta però saper scegliere. Con questo itinerario secondo me hai la possibilità di vedere le cose fondamentali della città senza dover per forza correre. Ti consiglio di arrivare in mattinata – il più presto possibile – e ripartire la sera.

Ti anticipo che se cerchi qualcosa di molto dettagliato, come visite specifiche a musei e palazzi che durino molto – per esempio a Palazzo Ducale o alla Basilica di San Marco – allora ti conviene passare al mio post su cosa fare a Venezia in due giorni dove troverai tutte le informazioni dettagliate. Qui troverai un itinerario a Venezia da fare a piedi in giornata con al massimo qualche attività di breve durata.

Cosa vedere a Venezia in un giorno.

Questo itinerario di un giorno a Venezia a piedi è per lo più gratis e può partire benissimo o da Piazzale Roma oppure dalla stazione dei treni Santa Lucia. Se parti da piazzale Roma, attraversa il ponte della Costituzione e raggiungi la stazione. Ti lascio qui sotto la mappa del mio itinerario a Venezia, sperando ti possa essere utile. Per comodità l’ho divisa in tre parti.

Basilica dei Frari e Campo San Polo.

Partendo da Venezia Santa Lucia, attraversa il ponte degli Scalzi, il primo ponte che trovi. Una volta sceso dal ponte, gira a sinistra e vai verso la Chiesa di San Simeon Piccolo, e imbocca calle nuova San Simeon, poco prima di arrivare alla chiesa. Qui ti troverai tra palazzi e corti poco popolati: sono un angolo che io considero ancora autentico data la poca presenza di turisti. Prosegui la camminata fino a quando arrivi alla Scuola Grande di San Rocco e vai fino alla Basilica dei Frari per visitarla e poi fino a Campo San Polo, uno dei campi più grandi di tutta Venezia.

Campo Santa Margherita, ponte dei Pugni e campo San Barnaba.

Dirigiti ora verso uno dei campi più popolari di Venezia: è qui, a Campo Santa Margherita, che si raduna la gioventù universitaria. Prosegui poi verso il lato sinistro di Campo Santa Margherita e arriverai al ponte dei Pugni, un ponte caratterizzato dalle impronte di 4 piedi nella sua parte superiore. Questo ponte era famoso perché si svolgevano duelli e risse tra due fazioni veneziane in epoca antica. Il ponte non aveva barriere in origine.

cosa vedere a Venezia in un giorno
Campo santa Margherita

Ai piedi del ponte, sulla riva di Campo San Barnaba si trova una barca caratteristica che vende frutta e verdura. Su campo San Barnaba si affaccia l’omonima chiesa – da visitare se vuoi – , famosa per essere stata sede di una scena del film Indiana Jones e l’ultima crociata.

Le Zattere, lo Squero di San Trovaso e il Gianduiotto.

Lasciato campo San Barnaba, avviati verso la riva conosciuta come le Zattere: è qui che una volta arrivavano le zattere cariche di legname dalla terraferma.

Poco prima di arrivare alle Zattere, lungo il Rio di San Trovaso si trova lo squero di San Trovaso, uno dei pochi rimasti a Venezia e dove costruiscono le gondole – una cosa da vedere assolutamente a Venezia -.

È qui, lungo le Zattere che si trova la mitica gelateria da Nico, famosa per il gianduiotto! Dalle zattere si gode di una bellissima vista sull’isola della Giudecca. Qui finisce la prima parte dell’Itinerario

Dal Ponte dell’Accademia alla scala Contarini del Bovolo.

Da qui inizia la seconda parte dell’itinerario Lasciate alle spalle lo squero e le zattere, andiamo ora al ponte dell’Accademia. Da questo ponte di legno puoi ammirare il Canal Grande congiungersi col canale della Giudecca. È forse uno degli angoli più iconici della città: da qui puoi fotografare anche la famosissima chiesa della Salute, famosa per essere dedicata alla Beata Vergine, come ringraziamento per la fine della peste del 1630. Qui si trovano anche le Gallerie dell’Accademia, dove si trovano le opere d’arte dei maggiori pittori italiani e soprattutto veneziani.

Cosa vedere a Venezia in un giorno

A poca distanza dall’Accademia si trova Campo santo Stefano o Campo Morosini. Si caratterizza per la presenza della Chiesa da cui prende il nome – Santo Stefano – e da Palazzo Morosini. Al suo centro si trova la statua di Niccolò Tommaseo. Il campo non ha nulla di speciale, prosegui oltre fino a Campo Manin e qui prendi, sulla tua destra, calle de la vida o de le locande. Arriverai ad ammirare una delle scale forse più belle del mondo: è scala Contarini del Bovolo. È una scala a chiocciola coperta e costruita esternamente all’edificio, voluta dal rampollo di casa Contarini, Pietro.

È possibile la visita alla Scala Contarini del Bovolo? Assolutamente sì. Ti lascio il link per la prenotazione con indicati i giorni in cui la puoi visitare.

Calle larga XXII marzo e salizada San Moise

Torna ora a campo Santo Stefano, prendi calle dello Spezier e segui indicazioni per San Marco. Prima di arrivare all’ unica piazza di Venezia ti troverai a percorrere una calle ampia e piena di negozi di brand famosi come Prada, Gucci, Armani ecc.

È calle larga XXII Marzo, la via dello shopping di Venezia ed anche una delle più famose della città. A molti hotel di lusso di Venezia si accede passando per questa via.

A continuazione di Calle allarga XXII Marzo si trova Salizada San Moisè, anche questa piena di negozi di lusso.

Piazza San Marco e Riva degli Schiavoni.

Non credo servano molte parole sull’unicità piazza di Venezia nonché patrimonio UNESCO. Piazza San Marco col suo Campanile, palazzo Ducale, i caffè storici e le due colonne di San Marco e del Todaro è punto d’incrocio di turisti di tutto il mondo.

cosa fare a Venezia in un giorno

Ti consiglio di spingerti anche a vedere i Giardini Reali e Riva degli schiavoni, situati poco distanti. In particolare dalla Riva puoi vedere il ponte dei sospiri e la chiesa di San Giorgio.

Il Ponte di Rialto.

Dirigiti ora verso uno dei ponti più famosi di Venezia, il ponte di Rialto, passando tra le strette calli del Sestiere di San Marco.

Ovviamente non può mancare la classica foto di rito dal ponte.

Fondaco dei tedeschi.

Ai piedi di Rialto si trova il Fondaco dei Tedeschi. È un palazzo a più piani con all’interno moltissimi negozi dei brand più famosi e di lusso. Ma il bello di questo palazzo sta in cima: dalla terrazza panoramica si può ammirare Venezia ed il Canal, con una vista a 360° gradi.

cosa vedere a Venezia in un giorno
All’interno del Fondaco dei Tedeschi

Particolare che non sapevamo ma che ti indico: per accedere alla terrazza si arriva con le scale mobili. Quello che non sapevamo è che per accedervi bisogna prenotare la visita. Lo puoi fare qui, nel sito del Fondaco dei Tedeschi. La visita è gratuita e dura al massimo 15 minuti.

Terminata la visita al Fondaco, fai tappa alla rosticceria San Bartolomeo, situata a due passi, per mangiare la mitica mozzarella in carrozza. Qui con la mozzarella in carrozza termina la seconda parte dell’itinerario.

Libreria Acqua Alta.

La terza e ultima parte dell’itinerario a Venezia di un giorno continua ora con una tappa secondo me imperdibile: la visita alla libreria Acqua Alta.

Divenuta in poco tempo una celebrità sui social, specie su Instagram per le foto sopra la scala di libri, la libreria Acqua Alta si caratterizza per una mole non meglio precisita di libri ammassati tra scaffali e gondole – si hai capito bene, gondole. -. Tra i libri ci sono pure dei gatti.

libreria acqua alta

Lo stile della libreria è davvero unico e la quantità di gente che la viene a visitare davvero tanta.

Ti consiglio la visita perché si trova a pochi passi tra Rialto e San Marco, in Calle Lunga Santa Maria Formosa 5176.

Strada Nova.

Terminata la visita alla libreria è tempo di dirigersi verso piazzale Roma e la stazione. Per farlo prosegui lungo Strada Nova, una lunghissima via che parte da Campo Santi Apostoli e arriva fino al Rio di San Marcuola.

Strada Nova

Lungo la via troverai negozi, bar, ristoranti, bancarelle del mercato, souvenir, artisti di strada. Una via che nonostante sia diventata molto turistica e quasi sempre affollata, Strada Nova resta la via più conosciuta di Venezia. Io la trovo molto bella e più interessante di Calle Larga XXII Marzo.

Il Ghetto Ebraico.

Ultima tappa di questo itinerario a piedi a Venezia: il Ghetto Ebraico. Caratterizzato per la presenza delle sinagoghe, scuole ebraiche, Il Museo Ebraico e il campo del Ghetto novo con ancora la presenza del banco dei pegni, il Ghetto Ebraico di Venezia è una zona poco frequentata dai turisti. Situato nel sesitiere di Cannaregio, i visitatori preferiscono concentrarsi su zone più turistiche e centrali di Venezia. Io ti consiglio di visitarlo.

Terminata la visita al Ghetto, attraversa il Ponte delle Guglie. Da qui procedi o direttamente verso la stazione e piazzale Roma tramite Lista di Spagna, oppure appena attraversato quest’ultimo ponte gira a destra, costeggia il Rio di Cannaregio è poco prima di arrivare alla fine del rio perditi tra le calli di questa zona di Venezia.

Un giro in Gondola e un giro di Bacari a Venezia. Dove farli?

Se sei interessato a fare un giro in Gondola a Venezia, lo puoi prenotare qui. Il mio consiglio è di andare lungo i canali di Venezia e questo giro è l’ideale.

Ricordati di fare tappa in un Bacaro per lo Spritz. Se vuoi saperne di più sul giro di bacari a Venezia ti lascio questo post.

Venezia in un giorno: come arrivare.

Chi si reca a Venezia in giornata di solito utilizza due mezzi principalmente – escludiamo a priori aereo e bus -. O l’auto o il treno. Se arrivi in auto allora di sicuro ti tornerà utile sapere dove parcheggiare a Venezia. Se arrivi in treno allora arriverai alla stazione di Santa Lucia, che è servita da tutti i treni regionali ed interregionali. Ma per gli orari ti consiglio di visitare il sito di Trenitalia.

Ecco, questo era il mio itinerario a Venezia in un giorno. Spero sia abbastanza semplice e che la mappa ti aiuti. Ovviamente sei libero di deviare, invertire il giro ma anche non considerare queste tappe a Venezia. Io però credo siano i punti fondamentali per una escursione in giornata nella città lagunare. Se poi pianifichi di ampliare la tua visita a Venezia in 2 giorni, oppure vuoi visitare le isole di Murano, Burano e Torcello, ti lascio qui i link relativi per scoprire tutto ciò.

Altrimenti se il mio itinerario non ti piace puoi prenotare questo free tour di Venezia.

Mi raccomando, continua a seguirmi nei miei viaggi e nei social!

Tags:
Loading comments...
error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!