Cosa vedere a Stoccolma in 3 giorni.

Nella mia classifica personale, se al primo posto ci metto la capitale della Germania, Berlino, al secondo posto con tutti gli onori del caso, ci metto la Damigella del Nord nonchè la Capitale svedese. L’ho trovata di una bellezza disarmante: storica ma giovanile, fredda ma dal cuore caldo. Una città che se pensate di visitare low budget, vi risulterà molto difficile. Si può fare ma Stoccolma è una città particolarmente cara, specie se decidete di mangiare fuori. Ci sono molte cose gratuite, altre che dovete vedere ma hanno un costo sicuramente non economico. Ecco allora cosa vedere a Stoccolma in tre giorni.

Cosa vedere a Stoccolma

Cosa vedere a Stoccolma in tre giorni: le attrazioni principali.

Visitare la Capitale della Svezia vuol dire passare tra luoghi ed edifici storici, ma anche isole selvagge e parchi popolati di giovani. Ha un’architettura molto particolare, fatta in particolare da guglie e tetti spioventi. Per quel che riguarda il clima, sappiate che più vi avvicinate all’estate più il sole rimane alto. E le persone sono molto gentili e disponibili. Ci sono delle zone che non potete perdere come Gamla Stan o Djurgården. Se non vi basta, sappiate che Stoccolma offre altro, in particolare dei musei davvero interessanti. Ma credo il periodo giusto ed ideale per vedere Stoccolma sia tre giorni.

Gamla Stan: la città vecchia e cuore di Stoccolma.

Arriviamo a Stoccolma un mercoledì sera di fine aprile. Ci accoglie un vento freddo da tagliare le orecchie. Ma le luci che ci accolgono già ci fanno capire che la città merita una visita particolare. Il giorno dopo iniziamo la nostra passeggiata per le vie della città e riesco già a sbagliare strada e a perdermi a tempo di record.

Cosa vedere a Stoccolma

Poco male, rientriamo in carreggiata e ci dirigiamo verso il cuore di Stoccolma, il luogo dove tutto ebbe inizio: Gamla Stan, la città vecchia. E’ la sede del Palazzo Reale e del Parlamento. Ma oggi i Reali non ci sono, per consolarci andiamo ad assistere ad un inutile parata militare.

Capitale svedese

Quello che invece più mi colpisce di Gamla Stan sono l’enorme numero di guglie sui tetti, tutti a spiovere in modo da far cadere la neve; i bar hanno all’esterno dei tavoli e per ogni sedia una coperta che ti permette di ripararti dal freddo. E’ qui che si trova anche la Marten Trotzigs Grand, la via più stretta della città. La caratteristica di questa via è che talmente stretta che si possono appoggiare mani e gambe alle pareti e percorrerla in salita senza fare le scale. Non è difficile e si percorre in cinque minuti.

Gamla Stan può essere vista anche dall’alto. C’è una struttura, indicata come Gondolen, dove potete salire ed ammirare il cuore della città. Vi suggerisco di farlo di sera, che è molto più bello.

Se volete visitare il Palazzo Reale, l’ingresso costa 16€, ma se acquistate lo Stockholm Pass, l’ingresso è incluso nella card.

Cosa vedere a Stoccolma

L’isola di Djurgården.

Galeone Vasa

Altro luogo che vi suggerisco di visitare nella Capitale svedese lungo i vostri tre giorni è l’isola-parco di Djurgården . Noi ci andiamo a piedi dal Sondermalm, che si trova a sud di Gamla. Una vera follia e quando ci arriviamo, siamo già cotti. Djurgården è un’isola dove potete girare tranquillamente tra le poche case che la popolano e per il parco, una parco selvaggio, dove potete incontrare un sacco di fantastici animaletti e che nonostante la sua natura selvaggia, è comunque ben tenuto e conservato. Noi ci rechiamo fino in punta, dove ci riposiamo per ammirare le navi da crociera che entrano per andare al porto.

Galeone Vasa

Visita al museo del Galeone Vasa.

Nell’isola di Djurgården, oltre ad essere un parco, è anche presente uno dei musei più famosi della Svezia: quello del Galeone Vasa, un galeone affondato al suo viaggio inaugurale. Doveva essere l’orgoglio della flotta svedese che nel ‘600 comandava nel mare del nord. Il re lo reputò troppo piccolo e decise che lo scafo andava alzato. Nessuno osò contestare le direttive del re, e nessuno osò appuntare che lo scafo avrebbe dovuto subire un’ulteriore modifica: sarebbe dovuto risultare più largo. Il re aveva ordinato tali modifiche e come tali dovevano restare. Più intenti a salvare la propria testa che il galeone, si decise per il silenzio. Al viaggio inaugurale il Vasa, alla prima folata di vento si sbilanciò, alla seconda si capovolse, con tanti saluti al re.

Capitale svedese

Recuperato tre secoli dopo, fu restaurato ed esposto nell’omonimo museo dove ad oggi è possibile visitarlo sia esternamente che internamente. La sua maestosità rimane intatta e la storia che vi ho raccontato io la potete trovare anche nei vari touch screen a disposizione. Oltre a questo, potete vedere uno spaccato del modello dello stesso galeone in scala e fino a dove si estendesse il regno di Svezia nel ‘600.

Il Museo Skansen. 

Altro museo da visitare nell’Isola di Djurgården è il Museo Skansen, un museo a cielo aperto inaugurato nel 1891. E’ una riproduzione in miniatura della Svezia di molti secoli fa. E’ composto da 150 edifici antichi tra fattorie, laboratori, case, negozi e chiese. Se volete visitarlo ed avere tutte le informazioni necessarie, potete cliccare sul link e controllare orari e prezzi del biglietto.

Cosa vedere a Stoccolma in tre giorni: i parchi popolati di giovani.

Cosa vedere a Stoccolma

Ho notato anche che gli svedesi hanno un forte senso civico in un città e una società molto giovane. Non è raro vedere ragazzi con meno di trentanni con più figli e giovani e meno giovani giocare tutti assieme. In particolare, Stoccolma è una città molto “green” dove nei numerosi parchi la gente ama trovarsi per leggere, rilassarsi, giocare col cane, giocare a calcio, fare jogging o un picnic. Il tutto ovviamente senza sporcare con carte e lattine ma lasciando tutto in ordine. Avremmo di che imparare.

Capitale Svedese

Cosa vedere a Stoccolma: i musei.

Se siete amanti dei musei, in tre giorni a Stoccolma potete dedicare una giornata ai musei. Stoccolma, se amate i musei, è decisamente la città che fa per voi. Oltre allo Skansen e al Vasa Museet, nel 2010 nel quartiere di Södermalm è stato aperto il museo di Fotografia contemporanea, chiamato Fotografiska. Offre una vista stupenda sullo skyline di Stoccolma e ospita 4 mostre fotografiche all’anno. Per gli orari e i biglietti cliccate sul link. 

Interessante anche il Moderna Museet nell’isoletta di Skeppsholmen, proprio fronte Gamla Stan, si trova il Museo di arte contemporanea.

Ed infine, un altro museo che si potrebbe definire a “cielo aperto” ma che in realtà si trova sotto terrà, è quello della Tunnelbana. E’ la linea della metro della Capitale della Svezia, è lunga 110 km ma le sue stazioni sono davvero particolari. Fermatevi ad ammirarle.

Non è propriamente un museo ma vale la pena andarci alla Biblioteca civica. Realizzata dall’architetto svedese Gunnar Asplund, la biblioteca della Capitale svedese è un vero gioiellino. La sua forma circolare ricorda quella della mente umana. Qui oltre a prendere in prestito i libri potete noleggiare DVD, e-book ed accedere al fornitissimo archivio della biblioteca di Stoccolma tramite PC. Nel link tutte le informazioni. Richiedete la card gratuita all’ingresso per accedere agli archivi.

Abbiamo passato tre magnifici giorni nella Capitale svedese, una delle capitali più belle che abbia mai visto. L’ultima immagine che mi resta è quella di un tramonto. Un tramonto su Gamla Stan visto dal Sondermalm. Sono le dieci di sera, ora in cui qui il sole scende definitivamente oltre l’orizzonte.

Capitale Svedese

Dove dormire nella Capitale Svedese.

Se cercate un alloggio nella Capitale della Svezia, oltre ai classici suggerimenti di appartamenti, nel nord europa va forte la Scandic Hotel. La Scandic è una catena che ha circa 280 hotel in tutto il nord Europa Noi abbiamo alloggiato allo Scandic Malmen, nel Södermalm, l’isola più meridionale di Stoccolma. Hotel bello e pulito, con una colazione davvero molto ricca. 

Cosa vedere a Stoccolma in tre giorni: due parole su Södermalm.

Södermalm è uno dei quartieri più eclettici della città, adatti allo shopping. Soprannominato SoFo, è anche il centro bohémien, hipster creativo della città. Se volete, la zona è anche ottima per un aperitivo o per una cena. Non perdetevi le polpette, fatte con la carne di maiale o con la cannella, e soprattutto assaggiate il salmone.

Come raggiungere Stoccolma e la questione moneta.

Per raggiungere la Capitale svedese dall’Italia, il metodo migliore è l’aereo. Due sono gli aeroporti principali: Arlanda, quello più importante di tutta la Svezia, situato a 40 km a nord della città. Oppure Skavsta, situato a 100km a ovest e servito da Ryanair, che collega le principali città italiane. Per raggiungere la città, utilizzate le linea di bus Flygbussarna. Gli orari dei bus sono sincronizzati con quelli degli aerei e se l’aereo è in ritardo il bus vi attende. Il tragitto è di circa 1 ora e 20 minuti.

In Svezia la moneta ufficiale è la corona svedese SEK. 1 Euro corrisponde a circa 10 corone svedesi. La Svezia ha quasi del tutto eliminato il contante e si paga quasi tutto tramite carte di credit, bancomat e cellulare. Quindi in Italia e in aeroporto non serve cambiare denaro. E buon viaggio!

____________________________________________________________________________

Se ti è piaciuto questo post su cosa vedere a Stoccolma in tre giorni, ti chiedo un like alla mia pagina Facebook e di seguirmi su Instagram e Twitter. 😉

Author: Luca Pery

Rispondi