Type to search

Italia

Cosa vedere a Noale: visita al borgo con la Rocca.

Share
noale cosa vedere

Conosci Noale? E’ un piccolo borgo situato al margine occidentale della provincia di Venezia. È un’altro borgo Veneto ed è anche una delle città murate della mia regione, come lo è Cittadella. Potresti chiederti cosa ci sia da vedere a Noale, dato che ho deciso di parlartene. E me lo stavo chiedevo anche io, prima di andarci. Ne avevo tanto sentito parlare, ora so che la sua fama è meritata

La visita a Noale era già nella mia lista di luoghi da visitare in Veneto, e ho avuto occasione di visitare questo magnifico borgo durante un tour nella zona di Padova e dintorni.

Sono rimasto piacevolmente sorpreso da questa cittadina dal cuore storico. Ho avuto modo di vederla dall’alto e di scoprire dei luoghi davvero interessanti, in particolare la Rocca e la Torre dove all’interno si trova il museo. Non ti dico di più sennò ti rovino la sorpresa. Sappi che come in molte zone d’Italia, anche in Veneto, in passato, c’erano molti giochi di potere di tipo feudatario. Non è un caso che ci sia la Rocca e che questa fosse legata alla famiglia Tempesta.

In più, all’esterno delle mura, era stato escogitato un sistema di difesa unico nel suo genere, cioè sfruttando l’acqua.

Se ho stuzzicato la tua curiosità non ti resta che continuare la lettura per scoprire Noale e cosa vedere in questo magnifico borgo delle provincia di Venezia Occidentale.

La storia di Noale ed un sistema di difesa ingegnoso.

Le prime testimonianze parlano di un insediamento del XII secolo chiamato Anoalis, ossia terreno nuovo. Noale è terreno conteso fino dai primi anni di vita: prima è sotto il dominio di Padova, poi sotto il dominio di Treviso. A governare il paese si trova Guido, che prenderà il cognome di Tempesta , e che sarà prima fedele al Vescovo di Padova poi a quello di Treviso. Nel 1245, Ezzelino da Romano e ordina la costruzione di una nuova Rocca e verrà terminata dai Tempesta.

La cosa rivoluzionaria di Noale è stato il suo sistema di difesa, unico nel suo genere. Oltre alle mura e alle torri, a Noale si escogitò un sistema di difesa basato sull’acqua: delle vere e proprie isole acquatiche delimitate da strade.

L’acqua si prelevava dal fiume Marzenego, si scavarono le isole d’acqua e si canalizzò il tutto. In questo modo non c’era possibilità per gli attaccanti di attaccare in massa, ma questo sistema li rallentava: non si potevano assaltare le mura perchè non c’erano più gli spazi aperti ma terreni allagati. Il borgo intero venne poi delimitato da dei canali artificiali. La Rocca di Noale si trovava – e si trova tutt’ora – su un’isola artificiale, era difesa e circondata dall’acqua, ed era collegata alla terraferma tramite un ponte levatoio.

noale cosa vedere
Riflesso della Rocca di Noale

Cosa vedere a Noale: La Rocca.

Se Ezzelino diede inizio la costruzione, furono i Tempesta a terminare la Rocca. Se la si guarda bene, si nota che è costruita su di un’isola. Era l’ultimo baluardo di difesa: se veniva espugnato il castello, la famiglia si rinchiudeva qui. Bastava ritirare il ponte per essere al sicuro.

Questo sistema di difesa torna utile ai noalesi per circa un centinaio d’anni, e passa di mano a Venezia, che la amministrano e la restaurano.

Purtroppo la Rocca esaurisce la sua funzione con la scoperta della polvere da sparo: se prima era difficile da espugnare, ora con la polvere da sparo scoperta a fine ‘400, la Rocca diventa un bersaglio facilmente colpibile.

noale cosa vedere
Rocca di Noale

Con Napoleone però, la Rocca assume la funzione di cimitero: una volta i cimiteri si trovano a fianco alle chiese, e queste erano proprio nel centro dei paesi. Napoleone ordina che i cimiteri vengano portati al di fuori dei centri abitati per ragioni igieniche. La Rocca assume questa funzione per 150 anni.

Al momento ci sono dei lavori in corso attorno ad essa e questo la renderà un luogo dove si svolgeranno spettacoli e manifestazioni teatrali.

noale cosa vedere
Rocca di Noale

Il centro storico di Noale.

Il centro storico di Noale si trova anch’esso su di un’isola ricavata dallo scavo dei canali artificiali. Piazza Castello è la piazza principale e vi si accede tramite una delle porte poste al di sotto delle due torri principali: una è la Torre dell’Orologio, l’altra è la Torre della Campane. Lungo la strada che le collega, da un lato si trovano alcuni bar, mentre sul lato opposto si trova il Duomo di Noale.

E’ conosciuto come la chiesa dei Santi Felice e Fortunato, ha tre navate e addirittura cinque altari.

noale cosa vedere
Noale, centro storico

Visitare il museo di Noale nella Torre dell’Orologio.

Una delle cose più interessanti della nostra visita a Noale è stata la visita al museo all’interno della Torre dell’Orologio. Al suo interno si trovano dei reperti storici della civiltà contadina noalese. Oltre ai classici utensili da lavoro o ai piatti, brocche e oggetti vari, vi si trovano degli attrezzi da lavoro che si utilizzavano quotidianamente per lavorare. Opere per quel tempo ingegnose, perchè fatte totalmente a mano e che sono giunte ai giorni nostri intatte e funzionanti. In molti casi, sono solo pezzi incastrati senza l’utilizzo di ferro e chiodi.

noale cosa vedere

Nel museo si trovano dei cartellini con indicati i nomi di questi attrezzi, altre volte si trova un “?”: questo perchè non se ne conosce il nome. I gestori del museo cercano sempre qualcuno che possa avere illuminarli sul nome di alcuni oggetti noti per la loro funzione ma di cui non ne conoscono ancora il nome.

Il museo si sviluppa su più piani, fino quando poi si arriva ad uscire dalla torre e si vuò vedere Noale dall’alto.

La Pinacoteca e la Loggia.

Abbiamo avuto anche la fortuna di visitare la sede del Comune di Noale, dove si trovano alcune opere di Egisto Lancerotto. Il resto delle opere si trovano nella Pinacoteca a lui dedicata e si trova a Palazzo della Loggia, a lato della torre dell’Orologio. Al piano superiore invece si trova la sede della Pro Loco di Noale.

E’ aperta la domenica o il lunedì ma solo su richiesta.

noale cosa vedere
Duomo di Noale

Il palio di Noale.

Il Palio di Noale si tiene ad inizio giugno ed è una rievocazione storica: si tratta di un percorso a piedi di 800 metri da ripetersi due volte, in cui si svolge una staffetta uomo-donna e dove si sfidano le 7 contarde del centro storico. I vincitori sono premiati dal Signore di Noale, Meladusio Tempesta, gli ultimi arrivati vengono imbrattati di nero sul viso come segno di vergogna.

noale cosa vedere

C’è poi l’estrazione della Bala d’Oro, un’altra rievocazione dove le 18enni noalesi devono pescare tra tante palle di legno quella d’oro, la cena delle contrade, e l’incendio della Torre. Ad accompagnare il tutto, giullari di corte e dame in abiti medievali.

Come arrivare a Noale.

Il modo più semplice per raggiungere Noale è andarci in auto. Prendi il Passante della A4 ed esci al casello di Martellago. Da qui segui indicazioni per Noale.

Se invece arrivi in autobus da Venezia prendi la linea 5 dell’ACTV, mentre se arrivi da Treviso prendi la linea 101 della linea MOM.

noale cosa vedere

E’ tutto. Spero che questi consigli su Noale e cosa vedere nel borgo ti siano utili per la tua visita. Io ti assicuro che questa città murata veneta vale la pena di essere visitata. Se vuoi altri consigli su alcuni luoghi da visitare in veneto ti consiglio Cison di Valmarino, Asolo e Bassano del Grappa.

Detto questo, se ti va seguimi sui social che trovi nella home page e ci vediamo alla prossima.

Tags:
error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!