Type to search

Italia

Cordovado: cosa vedere nel borgo friulano.

Share
Cordovado cosa vedere

Credo che assieme a Cividale del Friuli, Cordovado possa essere annoverato tra i borghi più belli in assoluto di tutto il Friuli Venezia Giulia. È un borgo di solamente 2700 abitanti situato qualche passo appena al di là del confine col Veneto e fa parte dei borghi più belli d’Italia.

L’origine del nome Cordovado è abbastanza curiosa. Deriva dalle parole latine di Curtis e Vado, che indicano rispettivamente un ampio complesso agricolo (Curtis) sul guado (Vado) di un fiume. Un guado che oggi non esiste più e il fiume in oggetto è il Tagliamento, che ora si trova a qualche chilometro di distanza. Cordovât invece – cosi si chiama in friulano – è qui, ad attendere i visitatori che nel frattempo magari hanno visitato le vicine Portogruaro, Sesto al Reghena oppure altri borghi del Veneto come Cison di Valmarino ed il Molinetto della Croda poco lontano, oppure la bellissima Asolo .

Detto questo andiamo a scoprire assieme Cordovado, cosa vedere nel borgo e perché sia così interessante.

Cosa vedere a Cordovado: un po’ di storia.

Cordovado si dice abbia radici molto più antiche rispetto a quelle già documentate. I primi testi fanno risalire al 1186 la nascita del borgo. Urbano III infatti indica in un documento un possedimento concesso al vescovo di Concordia. Ma si ritiene che il borgo risalga ad un’epoca romana. Si trattava di un castrum romano edificato per difendere un guado del fiume sulla via Augusta. Quel guado che come ho raccontato prima non esiste più ma che ha lasciato in eredità il borgo che ti sto per descrivere.

La mia visita a Cordovado mi ha lasciato il sentore che il borgo avesse in passato una certa rilevanza. Questo perchè vi si trovano moltissime testimonianze architettoniche, sia nobiliari che religiose, arrivate sino ai giorni nostri.

Vedere i luoghi sacri di Cordovado.

Cordovado è famosa per molti luoghi di culto e religiosi risalenti a diverse epoche storiche e ricchi di opere d’arte:

Cordovado cosa vedere
  • L’antica Pieve di Sant’Andrea risale al XV secolo ma si pensa addirittura possa risalire a 1000 anni prima, attorno al IV – V secolo. Al suo interno opere d’arte, quali dipinti ed affreschi, risalenti tra il ‘400 al ‘700. La chiesa al suo interno ha una sola navata.
  • Altro luogo di culto è il Santuario della Madonna delle Grazie. Venne costruito in seguito alle apparizioni della beata Vergine nel 1603. Lo stile è quello del barocco Veneziano e per questo motivo è un edificio unico in tutta la regione del Friuli Venezia Giulia. Anche qui al suo interno si trovano moltissime opere d’arte.
  • L’oratorio di Santa Caterina d’Alessandria è un edificio sacro ricco di opere d’arte risalenti al 1300 e al 1500.
  • Gli edifici religiosi non terminano qui: ti cito il convento francescano di Santa Maria di Campagna, la Chiesa di San Girolamo e la Chiesa di Sant’Antonio abate.
Cordovado cosa vedere

Un patrimonio architettonico – religioso davvero ampio, molto più ampio rispetto a quello degli altri classici borghi.

Cordovado cosa vedere

I palazzi nobiliari di Cordovado.

Oltre che edifici religiosi, in paese si trovano molti edifici di origine nobiliare:

  • Palazzo Agricola
  • Palazzo Ridolfi
  • Palazzo Bozza Marrubini
  • Palazzo Freschi Piccolomini 
  • Palazzo Beccaris Nonis
  • Palazzo Cecchini
  • Palazzo Soppelsa
  • Palazzo del Capitano

Molti di questi palazzi nobiliari recano al proprio interno affreschi anche del ‘700.

Cordovado cosa vedere

Il Castello di Cordovado.

Si dice sia la prima costruzione presente a Cordovado, quella sorta sul famoso castrum di cui ti ho parlato all’inizio.

Cordovado cosa vedere

Il castello di Cordovado passò di mano in mano agli eredi e cambiò anche proprietari nel corso dei secoli. Il castello ha anche un parco molto ampio che si deve alla creazione e al genio del conte Sigismondo Freschi. Ad oggi il castello è visitabile ed è possibile camminare attraverso il parco tra azalee, peonie e rose. Il castello si trova nel viale centrale del centro storico e per accedervi si deve passare attraverso una delle due porte che vedi qui sopra.

Cordovado cosa vedere

Ti lascio qui il link per la visita al castello di Cordovado.

Il parco letterario dedicato a Ippolito Nievo.

Non immaginarlo come un parco tradizionale con panchine e alberi. Il Parco Letterario Ippolito Nievo è una serie di luoghi – in questo caso 4 – che hanno ispirato lo scrittore nelle sue opere. In particolare Ippolito Nievo si è ispirato per le Confessioni di un italiano.

Cordovado cosa vedere

Non approfondirò volutamente i quattro luoghi per un semplice motivo: si inizia ad uscire dal comune di Cordovado e ci si avvicina a Sesto al Reghena. Al momento in cui tu leggi, il post su Sesto non è pronto, quindi te li elencherò:

  • Casa Provedoni
  • Il vecchio Duomo
  • I mulini di Stalis
  • La fontana di Venchiaredo.

Se cerchi altre informazioni sui percorsi letterari, ti lascio il mio articolo sugli scrittori veneti.

Il palio di Cordovado.

Il Palio di Cordovado è una rievocazione storica tra le più antiche di tutto il Friuli Venezia Giulia e si svolge la prima domenica di settembre. Si sfidano i 4 rioni di Borgo, Saccudello, Suzzolins e Villa Belvedere.

Cordovado cosa vedere

Durante la rievocazione storica i 4 rioni si sfidano in gare di tiro con l’arco, giostra delle bandiere, caccia al simbolo e furto delle botti. Il rione vincitore del palio viene deterninato in base ai punti presi durante le prove.

Come raggiungere Cordovado.

Per raggiungere Cordovado ti consiglio di andare in auto: da Portogruaro prendi la strada provinciale SP463 che ti porta direttamente nel borgo. Da Portogruaro è circa una decina di minuti. Altrimenti ci sarebbe pure la soluzione treno, ma sei un po’ più scomodo perché le stazioni più vicine si trovano a Portogruaro oppure c’è la stazione Cordovado-Sesto: se arrivi a Portogruaro devi prendere l’autobus, se vuoi arrivare a Cordovado-Sesto devi prendere la coincidenza da Portogruaro ma la coincidenza è molto sporadica.

Questo è tutto quello che avevo da dire su cosa vedere a Cordovado, e credo di averti detto tutto. Spero ti possano tornare utili questi consigli e ricordati di inserire questo bellissimo borgo in un tour che comprenda altri borghi del Veneto Cittadella, Arquà Petrarca o Montagnana e del Friuli, come Pesariis, Venzone o Sauris. Buon viaggio!

Tags:

Leave a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

error: Contenuto protetto! Anziché copiare scrivi contenuti senza sfruttare il lavoro altrui, pezzente!