Il Caorle Choco fest, un dolcissimo evento in centro storico.

Nello scorso weekend Pasquale si è svolto a Caorle un evento molto interessante e allo stesso tempo molto dolce: il Caorle Choco Fest. Si è trattato di un’esposizione da parte di alcuni produttori di cioccolato della zona – e non solo – in centro storico, che è stato motivo di richiamo per molte persone provenienti dai paesi limitrofi e dall’entroterra.

L’evento si è aperto venerdì 31 Marzo e si è concluso il 2 Aprile. E’ stato un evento largamente pubblicizzato su Facebook. Non potevo perdermi questa “ghiotta occasione”. Ci sono stato in due giornate, durante l’apertura e il giorno di Pasqua.

L’esposizione

La festa del Cioccolato e del Dolce si è svolta in Piazza Giacomo Matteotti e in una piccola parte del centro storico. Ad organizzarla, L’Associazione Arti Libere in collaborazione con Assodolciai e con il Patrocinio del Comune di Caorle.

La prima giornata, complice il tempo, è stata quella in cui ho potuto vedere meglio i prodotti esposti. Ci sono stati favoriti degli assaggi, ma poi siamo passati agli acquisti veri e propri. Il cioccolato era veramente buono – menzione d’onore per le praline al rum – ma quello che più ha colpito sono state delle vere e proprie opere d’arte esposte al pubblico. Il top secondo me erano le scarpette di cioccolato, ma in una bancarella erano presenti anche i personaggi dei cartoni animati, i joystic della Playstation, manette, ipad, biberon, ma anche prodotti meno complessi dal punto di vista della forma. In altre ho potuto trovare il cioccolato in altre forme meno stravaganti: un semplice cremino, praline ricoperte di cacao, cocco, nocciole o pistacchio. Vere e proprie lastre di cioccolato bianco, piccante, al rum, fondente, al latte, oppure con frutta quali arance e fragole. E infine anche altri tipi di dolci come i Macarons, in vari colori e gusti.

Sono tornato anche nel giorno di Pasqua nel tardo pomeriggio, ma la calca di gente e l’affollamento davanti ai banchi di cioccolato mi ha fatto durare una decina di minuti, non di più, impossibile acquistare o guardare. Così sono scappato per le vie del centro storico.

Nelle giornate di sabato e domenica i bambini potevano partecipare ai laboratori di cioccolato, al costo di 5€. Nei laboratori i bambini potevano lavorare e giocare col cioccolato, creando dei piccoli dolci da portare a casa. La vera sfida era quella di portarli a casa interi e non smangiucchiati.

Qualche pecca.

Eh si, devo ammettere che non tutto è stato perfetto. Innanzitutto il tempo atmosferico non è stato così clemente: il primo giorno è stato caratterizzato dal forte vento, il secondo dalla pioggia. Negli ultimi due invece il sole ha attirato moltissime persone.

Purtroppo, nonostante l’elevata pubblicità online, il numero di bancarelle e di espositori era esiguo. Parliamo di nemmeno una decina di bancarelle. Per un evento con tale pubblicità mi sarei aspettato decisamente di più. Mi sento di dire che forse, essendo stata la prima edizione, gli stessi espositori magari siano stati un po’ titubanti nel volervi prendere parte. La zona di esposizione si limitava ad una piazza ed una piccola parte del centro storico, quindi forse soggetta ad un numero prefissato di venditori. Infine i prezzi, la nota più dolente: dire spropositati mi sembra eccessivo, direi alti senza dubbio. 2,50€ per un cuoricino di cioccolato, per otto palline di cioccolato ricoperto di granella varie, 6€. Ma va beh ci sta, di solito alle fiere di questo tipo i prezzi non sono proprio economici.

CAORLE CHOCO FEST

Devo comunque dire che la manifestazione ha suscitato molto interesse, sia tra i cittadini sia tra i vari visitatori giornalieri che si sono recati a Caorle, per una volta attratti dal Caorle Choco Fest e non solamente dalla città. La speranza è che questo tipo di evento possa essere il primo e soprattutto possa ripetersi nei prossimi anni, con un numero maggiore di espositori e visitatori.