Un minuscolo punto sulla cartina geografica, una cittadina che non conta nemmeno mille abitanti e che viene sepolta dalla neve proveniente dal Polo nord. Eppure la fama di Tadoussac, così si chiama questa minuscola cittadina, è inversamente proporzionale alle sue dimensioni. Perchè è così famosa? Semplice, per essere il punto migliore del Canada Orientale dove vedere le balene.

Situata quasi alla foce del fiume San Lorenzo, questa cittadina è famosissima per le escursioni di Whale Watching. Nonostante sia una tappa non proprio a portata di mano, la gente che si trova a Quebec City non si fa sfuggire l’occasione per venire fin quassù e percorrere i 215 chilometri che separano la città da questo minuscolo paesino.

Da Quebec City a Baie St. Cathrine.

Il nostro terzo giorno in terra canadese è stato dedicato completamente ai nostri figli. Il nostro SUV ci ha condotti sin qui, in una delle regioni forse più remote del Canada orientale, passando per montagne scoscese, lunghissime salite e interminabili discese tra villaggi sporadici. Baie St Cathrine, luogo da dove partiremo con la nostra crociera, è dirimpetta a Tadoussac. A dividere le due cittadine, il fiume Saguenay, che si getta nel San Lorenzo e famoso per il suo omonimo fiordo che si trova lungo il suo corso. Dicono sia bello ma non noi lo visiteremo per questioni di tempo.

La fama di Tadoussac è dovuta a svariate ragioni, la prima è quella per essere il posto migliore per vedere le balene, la seconda è per la presenza dell’hotel Tadoussac, uno dei pochi veri hotel presenti nella zona e che mi ricorda l’Overlook hotel di Shining, la terza è per essere l’ultimo punto di partenza delle crociere sul San Lorenzo, almeno per quanto riguarda la compagnia di navigazione che noi useremo. Nonostante la sua fama, noi partiremo con la nave da Baie St Cathrine  per un semplice fatto: attraversare col traghetto il Saguenay comporta una perdita di quarantacinque-cinquanta minuti d’attesa.

L’escursione.

Decidere di recarsi fin quassù implica impegnarsi per tutto il giorno. Se partite da Quebec City, ci vogliono circa tre ore per arrivare, altrettante per tornare e altre tre per uscire in escursione. Avete due tipi di imbarcazioni a disposizione, diverse per tipologia e costo. La prima è una vera e propria nave da crociera di una trentina di metri, più adatta a chi come noi ha dei figli . Può avere due o tre ponti e ha una parte interna con bar, sedie, tavoli e vetrate per guardare fuori. L’altra imbarcazione invece è un gommone di una decina di metri, chiamato Zodiac, totalmente scoperta e con una ventina di posti. Entrambe le crociere sono organizzate da AML Croisieres.

Una volta saliti a bordo, ci si lascia il molo alle spalle e ci si dirige verso il centro del San Lorenzo. I primi cetacei a sbucare dall’acqua sono delle balene artiche minori, di colore nero, e i beluga, caratteristici per il colore bianco. Spingendosi poi verso la foce del fiume, ci può notare una cinquantina di foche nuotare pacificamente. Durante la navigazione e a bordo della nave, una speaker spiega in francese e inglese le abitudini e le caratteristiche dei cetacei che appaiono in superficie. Ovviamente ad ogni apparizione, la gente si riversa sul lato della barca per vedere meglio chi sbuchi da sotto l’acqua.

La zona di navigazione è un parco marino naturale e si possono vedere beluga, balene e foche già dalla riva. Le regole di navigazione però sono ferree: entrambe le imbarcazioni non si possono avvicinare più di tanto agli animali, e una volta che appaiono sulla superficie dell’acqua l’obbligo è quello di diminuire la potenza dei motori per evitare possibili collisioni e metterli in pericolo di vita. Anche per chi è a bordo ci sono delle regole da rispettare, che sono non urlare, non sporgersi e soprattutto non lanciare cibo in acqua per far avvicinare i cetacei: al di là della questione sicurezza tra animali e imbarcazioni, le balene non hanno bisogno del nostro cibo. Primo, non è adatto a loro. Secondo, essendo un parco naturale e zona protetta vicino all’atlantico, plancton e pesci qui abbondano.

Il periodo migliore per vedere balene e beluga va da agosto a fine ottobre, noi siamo ai primi di settembre quasi nel cuore del periodo migliore. Nonostante la temperatura non sia poi male, circa quindici gradi, vi consiglio di portarvi berretto o cappellino, giubbotto pesante e guanti, specie se siete coi bambini in quanto il vento causato dalla navigazione fa abbassare la temperatura. E vi consiglio anche una buona dose di fortuna: purtroppo balene e beluga è difficile vederli nella loro interezza e nove volte su dieci si vedono testa, pinna dorsale e coda. Fare una foto a uno di essi completamente fuori dall’acqua è roba da terno al lotto, ma non è impossibile, dovete solo sperare che salti fuori, il che non è semplice. Ciò non toglie che non rimarrete delusi, le balene le vedrete se andate nel periodo giusto.

Come prenotare la crociera.

E’ bene sappiate che sullo zodiac non sono ammesse donne incinte, causa scossoni dovuti alla navigazione, e bambini al di sotto di sei anni, questo perchè non ha recinzioni o parapetti.

Come detto prima, chi organizza le crociere è AML Croisieres. E’ una compagnia molto diffusa lungo il San Lorenzo, e organizza escursioni non solo di Whale Watching ma anche semplici navigazioni lungo il fiume, partendo da Quebec City fino a Tadoussac. Il vantaggio di questa compagnia è che se non avete un auto per arrivare fin quassù, ci sono dei transfer gratuiti che vi portano dalla città in cui alloggiate al molo di partenza della crociera.

Tadoussac

I prezzi: al di là che ci sono varie escursioni, un pacchetto famiglia per quattro persone in nave, coi bambini al di sopra dei sei anni, costa 199 dollari canadesi. Noi avendo un bambino di due anni, optiamo per tre biglietti singoli e spendiamo 164 dollari canadesi, al cambio 110 euro.

I biglietti li potete acquistare in tre maniere: online, e li ritirate all’imbarcadero. In uno dei tanti punti vendita dell’AML disseminati tra Quebec City e Tadoussac – uno è anche dentro l’ufficio turistico di Quebec City. Direttamente al punto d’imbarco ma con il rischio di rimanere a terra se andate in alta stagione. Da baie St Cathrine le crociere partono alle 9.30, 13.30 e 16.30.

Detto questo vi auguro una buona escursione, ovviamente nel massimo rispetto del parco e degli stessi animali.