C’è poco da fare: noi italiani siamo dei pessimi guidatori. La cosa che più mi stupisce però è che oltre a non essere in grado di guidare in Italia, quando ce ne andiamo all’estero, diventiamo improvvisamente bravi e così rispettosi dei limiti e della segnaletica . E quando rientriamo in Italia, ci lamentiamo dei nostri compatrioti al volante.Ovviamente il tutto dura lo spazio di qualche curva, poi anche noi ci adeguiamo alla massa e riprendiamo a guidare all’Italiana.

IMG_8611 IMG_8605 (FILEminimizer)

Non ho mai capito perchè importiamo il nostro stile di guida anche all’estero, del resto siamo stati così bravi a esportare la pizza, la pasta e la FIAT. Forse perchè ci stangano appena trasgrediamo? Probabile.

Fatto sta – e scusate la disgressione e riflessione – che il nostro stile di guida è proprio pessimo, ma questo non serviva ve lo dicessi io. Nel nostro ultimo viaggio in Florida pensavo avrei incontrato più difficoltà, sia con le strade che con gli automobilisti. Invece non è stato così, devo dire che è stato tutto molto più semplice.

Lo stile è molto simile ai tedeschi. Negli Usa, quando vedono che devi attraversare la strada, rallentano un bel pezzo prima dell’incrocio. Da noi invece è d’obbligo accelerare e se possibile investire il pedone. Negli USA non ci sono le strisce pedonali ma due linee parallele che attraversano la strada e quando sei la in mezzo sei come una sorta di barriera, non corri il minimo pericolo. L’automobilista sa che sei un pedone e sa che devi attraversare, quindi rallenta. Da noi, le strisce aiutano a non confonderti con la strada e a renderti ben visibile per chi ti deve caricare sul cofano.IMG_9155

Da noi la precedenza è di chi se la prende, gli stop o i dare la precedenza o sono opzionali o non esistono. Se possibile si strombazza e si alza anche il dito medio per far valere il proprio diritto. In Flordia invece siamo arrivati ad incroci dove quattro auto provenivano da quattro direzioni diverse e tutte e quattro le auto si sono fermate. Dopo di che, timidamente, ci si muoveva, come dire “posso passare, vado io?” e non sono successi incidenti. Per evitare problemi con gli stop e le precedenze, gli americani ne limitano l’uso e hanno ancora i semafori al posto delle rotonde. Posso dire che in quindici giorni ne abbiamo contate tante come le dita di una mano.

A proposito di semafori, state attenti! I primi semafori che troverete, guardate di fronte a voi, dall’altra parte dell’incrocio. Gli americani usano così. All’incrocio, non dovete fare come da noi e bruciarli, non li trovate a destra o in alto sopra lo stop, ma dall’altra parte della strada. Poi ci farete l’abitudine.

IMG_9025

Altra menzione la meritano i limiti. Qui si usano le miglia – circa milleseicento metri. E soprattutto sono molto bassi. In autostrada il massimo che abbiamo trovato è stato 75 mph, cioè 112 km orari! Ma ci sono zone dove si scende a 15 mph, circa 22 all’ora. E considerate che la maggior parte delle auto è di grossa cilindrata, quindi vi sembrerà di essere fermi. Un consiglio che vi do è di rispettarli. I costi delle multe sono elevati, ma soprattutto, dopo l’11 Settembre, i poliziotti godono di certe libertà che permette loro di portarvi in centrale per qualsiasi motivo. Non protestate o fate sceneggiate se vi fermano ma mostratevi disponibili e collaborativi.

IMG_9166

Le strade hanno la caratteristica di essere molto larghe e scorrevoli, e questo è un grossissimo vantaggio. Vi troverete a correre in strade a quattro corsie con traffico scorrevole dove però vi capiterà spesso di fermarvi al semaforo, anche se non temerete di sbattere contro qualcuno perchè vi sta troppo vicino.

Per girare gli USA è d’obbligo un navigatore, senza è impensabile e impossibile arrivare a destinazione o semplicemente uscire da una città come può essere Miami o Orlando. Basti pensare che per uscire da Miami per andare alle Evergladesho fatto il primo giro attorno allo stabile, il secondo attorno all’aeroporto, il terzo attorno al quartiere dell’aeroporto di Miami, poi dopo un’ora ho trovato la strada.

IMG_8641             IMG_8753

Tra tutto il bel contesto di guida degli USA, Miami è un capitolo a parte, anche se non siamo a livelli delle nostre città: anche qui si strombazza o si fanno rari sorpassi azzardati con le auto, ma è più probabile vedere qualche rapper che gira un video su una decappottabile o qualche limousine carica di belle signorine, piuttosto che veder sfrecciare la Ferrari di Balotelli o trovare l’auto di Lapo Elkann parcheggiata in divieto di sosta, visto che qui le auto le rimuovono senza tanti complimenti.IMG_9168

Non dico di essere come gli americani, ma almeno cercare di avvicinarsi un po’ al loro stile. Ovviamente parlo della Florida, poi altrove magari si guida peggio che in Italia. A me però è bastato vedere come si guida nel sud degli USA per capire che guidano meglio di noi.Basterebbe una fare una cosa sola: rispettare il codice della strada e avremmo meno problemi per le nostre strade. Evidentemente ci riesce ben solo all’estero. Peccato, non mi sembra sia così difficile.