Difficile riassumerla in dieci scatti. Parigi è una vera miniera per gli amanti della fotografia, ma sento il bisogno di parlare di questa magnifica città riassumendo il tutto in 10 immagini, scegliendo quelle che ritengo più significative.

1) Notre Dame de Paris.

Che sia di giorno o di notte, se la guardate dalla facciata principale, può sembrare piccola. Ma non fatevi ingannare: è veramente maestosa. E se da fuori può sembrarvi anonima,  i suoi rosoni all’interno completano la sua bellezza con colori sgargianti. Ah dimenticavo, ha quasi 900 anni, ma li porta benissimo.

IMG_6239_HDR (FILEminimizer)

2) Il museo Louvre.

Il museo più visitato al mondo. Se dedicate ad ogni opera due minuti della vostra vita, per visitarlo tutto vi ci vorrebbero nove mesi. Dedicatevi solo alle parti che vi interessano quindi. Opinione personale: la sezione più bella è quella delle opere degli italiani, mentre, parafrasando Fantozzi sulla Corazzata Potemkin, reputo la Gioconda…beh riguardatevi lo spezzone su Youtube e capirete.

IMG_6207_HDR (FILEminimizer)

3) Torre Eiffel.

Indiscusso simbolo di Parigi e della Francia. E’ sufficiente salire al secondo livello per vedere tutta la città dall’alto. Il miglior momento per ammirare la Torre è alla sera, dai giardini del Trocadero, allo scoccare di ogni ora: per cinque minuti si illumina di luci bianche intermittenti.

IMG_6171 (FILEminimizer)

4) I Giardini di Lussemburgo.

Uno dei luoghi che mi è piaciuto di più, a pochi passi dai quartieri latini. I francesi si ritrovano qui per rilassarsi. I bambini invece passano il loro tempo divertendosi un mondo: è possibile affittare un veliero per 3.50€, spingerlo con un bastone e poi ci pensa il vento a guidarlo. Sta a voi capire dove finirà la vostra barchetta.

IMG_6126

5) La Basilica del Sacro Cuore.

Altro simbolo di Parigi e in particolare di Montmartre. Al di là di quello che c’è dentro alla Basilica, mi è piaciuta moltissimo la zona, con la scalinata che sale lungo la collina fino alla Basilica, dove poi potrete ammirare una parte di Parigi dall’alto.

IMG_6042 (FILEminimizer)

6) Il quartiere di Montmartre.

Conosciuto anche come il quartiere degli artisti, vicino al Sacro Cuore, c’è ancora nella piazza principale la possibilità di vedere pittori e ritrattisti all’opera. Se scendete e vi recate verso la fermata della Metro di Pigalle, arriverete al Moulin Rouge ed entrerete in una strada piena di Sexy bar e Sexy Shop.

IMG_6055

7) Versailles.

Uno dei luoghi più irritanti che abbia mai visto. Se penso al lusso e allo sfarzo di una volta – che tra l’altro si può ancora notare – e alla popolazione francese che moriva di fame, comprendo perfettamente perchè al popolo siano girati gli zebedei e abbiano portato Re e consorte in piazza, visto che i soldi del popolo venivano usati per le feste di palazzo e non per le reali necessità della popolazione. Visitate sia l’interno che i giardini.

IMG_5965

8)I Quartieri latini.

Il più bel quartiere assieme a Montmartre. Di sera pullula di vita, e si possono mangiare le più inimmaginabile schifezze dolciarie attraverso le sue strade. Ci sono moltissimi ristoranti e a pochi passi potete visitare anche il Pantheon o recarvi ai Giardini di Lussemburgo.

IMG_6230 (FILEminimizer)

9) Il mercato delle pulci di Saint Ouen

Situato a nord della città, è un mercato delle pulci dove trovate di tutto a prezzi decisamente economici. Il simbolo del mercato l’ho individuato in questo juke box che al momento cantava una canzone di Elvis Presley. Mi ricordava allo stesso tempo il passato, per la canzone, ma anche la mia infanzia, quando stavano scomparendo gli ultimi juke box. Oltre a questo trovate jeans, pezzi di antiquariato, cibi tipici, dolciumi, e tante altre cose.

IMG_6260 (FILEminimizer)

10) Il ponte degli innamorati.

Sinceramente non è niente di che, credo che Federico Moccia si sia ispirato a questo ponte in uno dei suoi romanzi. E allora perchè c’è sta foto? vi chiederete. Semplice, il comune ha fatto togliere tutti i lucchetti dal ponte per contrastare il fenomeno. Prendete questa immagine come un segno del passato, di qualcosa che non c’è più, al momento. Credo che i lucchetti torneranno a ricomparire già dai giorni successivi.

IMG_6023 (FILEminimizer)