Ho alloggiato in appartamenti, hotel, case vacanze, villaggi, una notte pure dentro un armadio, ma mai sono stato in un ostello. E’ una delle tipologie di alloggio che al momento non ho mai provato e che credo non proverò mai. Non ho mai capito bene come funzioni, ma preferisco la privacy del mio bagno e della mia camera piuttosto che dividerla con sconosciuti che magari non si lavano o gente di cui, a prima impressione, non ti fideresti.

Ma al di là di questo, le due strutture che ho sempre utilizzato per la maggiore sono stati gli hotel e gli appartamenti. Devo dire che prima era giravamo in hotel in quanto trovavamo la colazione sempre pronta e il costo non ci interessava più di tanto. Ora che il numero di persone con cui viaggio è aumentata, le esigenze sono cambiate e soprattutto cerchiamo qualcosa di più economico.

In Hotel, pro e contro.

In queste tipologie di struttura ci includo anche i villaggi turistici, dove ho alloggiato varie volte per farmi delle vere e proprie vacanze di relax. Sicuramente l’hotel ti permette maggiore comodità e spensieratezza. Benchè il costo possa essere un po’ più alto rispetto a strutture tipo ostelli o appartamenti, sicuramente qui avete dei vantaggi non indifferenti: vi alzate, fate colazione, uscite e quando tornerete troverete la camera pronta, come se fosse passato qualcuno con la bacchetta magica; non avete il problema di quando rientrare o farvi da mangiare perchè pranzerete o cenerete fuori, e se avete bisogno di qualcosa, lo trovate nel frigobar della camera o giù al bar della reception.

DSCN3720

Se l’hotel dà più spensieratezza dal punto di vista organizzativo, spesso la nostra stessa vacanza si trova condizionata da orari stabiliti: intanto se la colazione è il pasto fondamentale per iniziare bene una giornata e vi presentate fuori orario, la dovrete fare al bar e non sarà ne economica ne abbondante. Quindi quando vuoi dormire qualche ora in più sei di fronte a una scelta non indifferente: rinuncio a qualche ora di sonno o al cibo mattutino? Inoltre se avete scelto la pensione completa, ecco che la vostra giornata è condizionata totalmente dagli orari dei pasti, prestabiliti e inflessibili. Per chi scegliesse invece solo la tipologia B&B, la controindicazione è sicuramente la necessità di mangiare fuori, con una lievitazione dei costi non indifferente, specie se siete in tre o in quattro. Teoricamente non potreste far salire in camera cibo dall’esterno, ma voi tenderete a farlo visto che i prezzi della struttura non sono dei più economici.

DSCN2166

Appartamento, pro e contro.

Da quando siamo cresciuti numericamente, ci siamo resi conto che andare in hotel ci comportava un aumento della spesa solo per dormire. Inoltre, con una bambina di due o tre anni, abituata a bere latte o mangiare fuori orario, la situazione in hotel a volte ci risultava scomoda (immaginate alzarvi alle tre e dover fare del latte o la camomilla e con il bar chiuso). Quindi abbiamo optato per una soluzione alternativa: l’appartamento. Sicuramente più economico, richiede un piccolo sacrificio per farsi da mangiare, riassettare un minimo la stanza, un minimo di pulizie giornaliere di pavimento (per chi lo fa) e delle posate dopo il loro utilizzo prima di uscire, ma almeno in casa posso portarmi il cibo che voglio senza dover dipendere dai prezzi e dal bar della struttura. Inoltre non ci sono vincoli di orari prestabiliti per i pasti e se mi sveglio tardi, non importa, il caffè me lo faccio comunque. Se voglio mangiare alle nove, lo posso fare senza correre il rischio di dover trovare la cucina chiusa. Abbiamo così ovviato anche al problema maggiore che avevamo quando alloggiavamo in Hotel: il latte e la camomilla fuori orario o a orari notturni assurdi (oh intendiamoci, non succedeva tutte le volte, ma raramente si, e quando capitava erano problemi).

IMG_5925

Devo dire che l’appartamento si è rivelato una buona alternativa per chi, come noi, vuole viaggiare libero da vincoli e con costi contenuti. A volte anche noi mangiamo fuori ma  almeno un pasto al giorno, specie quello della sera, dopo aver passato una giornata a spasso, lo facciamo volentieri in casa. E inoltre i comfort sono massimi: tutti gli appartamenti ormai dispongono forse di più attrezzature degli hotel, come microonde, lavastoviglie, lavatrice, ecc.

Oltre a queste differenze, l’hotel ha un approccio che tende ad essere molto più remunerativo e quindi, per esempio, un late check out rischia di avere un costo extra, mentre in appartamento, solitamente, la gestione è molto più alla buona (i proprietari vi accolgono e alcuni di essi non invadono minimamente il vostro spazio, chiedendovi di lasciare le chiavi sul tavolo alla partenza, quindi non effettuando nemmeno il check out) e si tende spesso a lasciar correre certe cose, e quindi in questi casi i late check out, se non ci sono arrivi, vengono concessi gratuitamente. L’appartamento salvaguarda più la vostra privacy, l’hotel a volte è sede di gruppi o ospiti molesti che turbano il sonno della notte (vi lascio immaginare di passare la notte con un gruppo di studenti in visita d’ istruzione, o meglio visita-distruzione!).

IMG_6305

E da non dimenticare, anche l’appartamento dispone di wifi, dove la connessione a volte è migliore di quella degli hotel. Questo è spiegato dal fatto che il segnale in una casa si connette a poche persone nell’arco di qualche metro, nell’hotel si connettono centinaia di persone, intasando i router e a volte il segnale non arriva ovunque.

Detto questo questo, nonostante continui ad andare in Hotel se le condizioni me lo permettono, l’appartamento resta la mia prima alternativa.