L’isola di Burano è famosa soprattutto per due motivi: la lavorazione del merletto e i colori delle sue case.

IMG_1730

Si può raggiungere col vaporetto in 30-35 minuti da Venezia oppure, sempre in vaporetto, da Treporti in circa 20 minuti. Una volta raggiunta l’isola, è facile visitarla a piedi. Due canali si incrociano dividendo in tre parti l’isola. I

Quando si arriva a Burano si entra in un mondo di colori vivaci che ti circondano dall’inizio alla fine. Non è chiaro l’origine del colore delle case, anche se ci sono due ipotesi. La prima é quella che ogni colore appartenga a una famiglia dell’isola. La seconda é che il colore delle case permette ai residenti di riconoscere la propria dimora in mezzo alla fitta nebbia che circonda la laguna di Venezia, nelle notti invernali.

IMG_1728

Burano è un’isola sostanzialmente piccola, quindi visitabile in mezza giornata. E’ collegata dai vaporetti con Venezia e la terraferma e l’unico collegamento con le altre isole, al di fuori dei mezzi di trasporto, è con l’isola di Mazzorbo tramite un lungo ponte. Le principali attrazioni dell’isola sono la chiesa di San Martino con il relativo campanile pendente, le case colorate e i vari negozietti dove si lavora il merletto.

IMG_1725

Per la maggior parte i negozi di merletti si trovano nella via principale dell’isola, via Baldassarre Galuppi , dove si trova il museo del Merletto, che si collega Rio Terà del Pizzo considerato un po’ il centro. Qui signore dalle mani abili ed esperte vi faranno vedere come si lavora il merletto secondo la vera tradizione “Buranea”.

IMG_1754

Inoltre perdersi per le sue calli vi darà l’opportunità di godere di magnifici scorci. Potrete vedere, donne che chiacchierano al di fuori delle loro case, come si faceva una volta nei nostri paesini mentre i mariti sistemano le loro barche da pesca e i bambini giocano a calcio in strada.

IMG_1740

Consiglio: visitate l’isola di mattina, nel pomeriggio orde  di turisti assalgono l’isola e voi perdereste l’atmosfera magica del posto. E come ricordo, oltre ai merletti, non dimenticate di portarvi a casa i tipici biscotti “Buranei”, i Bussolai.